Notizie locali
Pubblicità
FOTO DA FACEBOOK

Cronaca

Tragico motocross nella valle dell'Alcantara: giovane cade nel fiume e muore

E' successo in territorio di Giardini Naxos. Il motociclista di 33 anni sarebbe stato trascinato dalla corrente. Sul posto carabinieri, personale del 118 e i Vigili del fuoco

Di Mario Previtera

Tragico motocross questo pomeriggio nella Valle dell'Alcantara. Lungo il fiume, sul versante di Giardini Naxos, è stato recuperato il corpo senza vita di un 33enne di Acireale, Mario Tommasi, che - secondo quanto si è appreso - sarebbe caduto in acqua mentre effettuava motocross con altri due amici. Questi ultimi hanno lanciato l'allarme poco dopo le 14, quando si sono accorti che con loro non c'era più l'amico.

Pubblicità

I tre motociclisti avevano raggiunto il greto del torrente dal lato di Calatabiano, nel Catanese. Secondo una prima ricostruzione, il motociclista recuperato senza vita sarebbe finito in acqua senza essere visto dagli amici e sarebbe stato rapidamente trascinato dalla corrente del fiume. 

Quando il corpo è stato rinvenuto, vigili del fuoco e 118 erano già allertati ma nell'immediato si sono rivelati vani i tentativi di rianimare il giovane, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Taormina, personale del 118 e i Vigili del fuoco di Letojanni e Riposto.  Il corpo dell’uomo è stato recuperato dagli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano.

 

 

I carabinieri stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica di quanto successo, anche perché Mario Tommasi era un esperto motociclista e quindi si escludono imprudenze da parte sua. Mario era proprio quello che si dice un bravo ragazzo: educato, felicemente fidanzato da anni, innamoratissimo, sempre disponibile con gli amici, ma soprattutto sempre con il sorriso stampato in faccia, un sorriso capace di cambiarti le giornate.

Ma oltre alla fidanzata e agli amici, la sua grande passione era proprio il motocross. Spesso nei weekend andava alla ricerca di nuove emozioni e di un po' di libertà in sella alla sua moto. Aveva affrontato ogni tipo di terreno, aveva già guadato l'Alcantara diverse volte: salite, discese, dirupi, boschi, torrenti, neve e sterrati non lo spaventavano. Si metteva il casco e andava alla ricerca di avventura. Ma stavolta, come succede anche ai più grandi, sarebbe stato tradito dalla sua più forte passione.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA