Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Turista polacca perde i sensi in sentiero della Riserva dello Zingaro: salvata

La donna, recuperata dal Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e da un elicottero dell'82° Csar dell’Aeronautica Militare, qda  stava percorrendo il sentiero costiero che porta alla grotta dell’Uzzo con un gruppo di connazionali,

Di Redazione

Secondo intervento congiunto di Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e 82° Csar dell’Aeronautica Militare, questa volta nella riserva naturale orientata dello Zingaro, per soccorrere un’escursionista straniera colta da malore. Stamattina a Favignana era stato soccorso un migrante nordafricano paraplegico abbandonato dagli scafisti su una scogliera impervia di Cala. Nel pomeriggio una donna polacca di 61 anni, che stava percorrendo il sentiero costiero che porta alla grotta dell’Uzzo con un gruppo di connazionali, aveva perso i sensi non riuscendo più a proseguire. La comitiva, che si trovava a circa un chilometro dall’ingresso nord della riserva, lato San Vito Lo Capo, ha chiamato il 118 che, trattandosi di un incidente in ambiente impervio, ha chiesto l’intervento del Soccorso Alpino che, a sua volta, ha attivato l’Aeonautica Militare con la quale vige un consolidato rapporto di collaborazione.

Pubblicità

Dall’aeroporto di Trapani Birgi è così decollato un elicottero HH139B dell’82° centro Csar che ha imbarcato due tecnici di elisoccorso del SASS per sbarcarli pochi minuti dopo sul luogo dell’incidente. La donna è stata imbarellata, issata a bordo col verricello e trasportata all’ospedale di Trapani. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA