Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Violente rapine in villa e furti a bancomat nel Trapanese: 4 arresti e 8 denunce

Nel mirino della banda di criminale era finita anche una nota coppia di medici di Erice: la rapina aveva fruttato un milione di euro

Di Redazione

I carabinieri del nucleo investigativo di Trapani e della compagnia di Alcamo, con lo squadrone eliportato cacciatori di Sicilia hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di cinque persone accusate di associazione a delinquere finalizzata alla commission di rapine con sequestri di persona e furti ai bancomat. I militari hanno anche denunciato 8 persone, di cui una deceduta. Quattro gli arrestati - tre in carcere e uno ai domiciliari - a uno è stato imposto invece l'obbligo di dimora. L'operazione è scattata dopo una serie di furti di bancomat e rapine in villa anche violente con sequestro di persona. La banda è accusata di 4 furti, di cui 2 consumati, a sportelli Atm e di 3 violente rapine in abitazione con sequestro di persona, di cui una tentata, avvenute a Custonaci, Erice Casa Santa e in Contrada Rilievo.

Pubblicità

 

I colpi, secondo una stima, fruttato denaro e beni per un milione e mezzo di euro. Tra le cose trafugate anche una pistola calibro 38. Dalle intercettazioni i carabinieri hanno appreso come il gruppo programmasse i colpi nei minimi particolari con numerosi sopralluoghi, pedinamenti delle vittime, e l'utilizzo di modernissime apparecchiature elettroniche come telecamere sugli obiettivi designati e finanche Gps sui veicoli delle vittime. Per portare via i bancomat di uffici postali e banche praticavano fori sulle pareti di edifici adiacenti e portavano l'Atm con un flex.

 

Secondo le indagini dei carabinieri gli arrestati sarebbero, tra l’altro, gli autori della rapina violenta a casa di una coppia di medici, a Erice, commessa la notte tra il 21 e il 22 gennaio del 2019. Per quel colpo dopo 8 mesi era stato arrestato uno degli autori. La rapina, che fruttó oltre un milione di euro, venne messa a segno ai danni dei coniugi Renato Salone e Paola Maltese, medici molto noti di Trapani. Il colpo venne portato a termine da quattro persone e fece molto scalpore. I quattro rapinatori riuscirono ad introdursi in casa della coppia di notte approfittando del fatto che in quel periodo il sistema d’allarme era disattivato a causa di alcuni lavori di manutenzione alla casa, e sorpresero marito e moglie a letto. Immobilizzarono la donna e la narcotizzarono, mentre con la pistola minacciarono il marito intimandogli di aprire la cassaforte. L’uomo, terrorizzato, disse però di non avere la chiave. Allora con un flex , che i quattro si erano portati dietro e dopo ore di lavoro, estrassero la cassaforte dal muro e la portarono via. Nella cassaforte oltre ad oggetti di valore, gioielli, oro e soldi c'era anche una pistola regolarmente denunciata.

Sono stati portati in carcere Pio Cappelli, 45 anni, originario di Napoli ma da tempo residente a Trapani, Pietro Tranchida, 25 anni, Baldassare Grassa, 52 anni. Sono tutti trapanesi, tranne Grassa, originario di Salemi. Agli arresti domiciliari è Giuseppe Culcasi, 37 anni. Obbligo di dimora per Antonino La Russa, 43 anni. Entrambi sono nati a Trapani. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: