Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Indagini

Omicidio ad Agrigento, la lite tra commercianti per la compravendita di più auto usate

Interrogatori nella notte in questura per ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto. La vittima è Roberto Di Falco

Di Redazione |

Notte di interrogatori in questura, ad Agrigento, dove sono state sentite tutte le persone presenti nel piazzale della concessionaria di auto “AutoXpassione” di Lillo Zambuto, nel villaggio Mosè, dove nel pomeriggio di ieri c’è stata una rissa in cui è stato ucciso con un colpo di pistola Roberto Di Falco, 38 anni.In questura c’era anche il procuratore Giovanni Di Leo. In quattro si trovano ancora negli uffici della squadra mobile perché audizioni e interrogatori non sembrerebbero essere terminati.

Stando a quanto è emerso, le dichiarazioni – già acquisite dalla polizia – sarebbero in molti punti contrastanti. Gli agenti della squadra mobile non hanno avuto collaborazione neanche da quanti – fra Agrigento e Palma di Montechiaro – gravitano nel «mondo» della compravendita di auto. Sono stati acquisiti, e già passati in rassegna, i filmati della videosorveglianza: sia quelli delle telecamere poste a presidio della concessionaria che quelle dell’intera zona dove ci sono diverse attività commerciali. La ricostruzione della lite e dell’omicidio non è però semplice.La vittima sarebbe stata ferita durante la colluttazione nel piazzale della concessionaria di auto. La lite, sfociata in una rissa, avrebbe avuto origine dalla compravendita di più auto fra il concessionario agrigentino e il 38enne di Palma, anch’esso commerciante di auto usate.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati