Notizie locali
Pubblicità

Cultura

Fondazione Oelle: Catania ospiterà tre mostre fotografiche

Tra il 18 settembre 2021 e il 30 aprile 2022 tre grandi mostre nel segno della contemporaneità 

Di Redazione

 Catania ospiterà nelle sedi museali del Castello Ursino, della Galleria d’Arte moderna e delle Ciminiere tra il 18 settembre 2021 e il 30 aprile 2022 tre grandi mostre nel segno della contemporaneità organizzate con la Fondazione Oelle: dalla antologica di fotografie inedite di Gabriele Basilico alla prima retrospettiva in Italia di Michael Christopher Brown, simbolo del fotoreportage contemporaneo, fino ad «Adorando Agata on the road», il grande progetto di archivio vivente della memoria.

Pubblicità

Gli eventi sono stati illustrati stamani nella sala giunta di Palazzo degli Elefanti alla presenza, tra gli altri, del sindaco Salvo Pogliese e dell’assessore alla Cultura Barbara Mirabella. "Tre mostre di altissimo livello in siti di grande prestigio - ha detto Pogliese - faranno di Catania nei prossimi mesi un faro dell’arte contemporanea. Questa straordinaria iniziativa è un ulteriore tassello del mosaico molto più articolato che testimonia l’importanza del lavoro sinergico tra le fondazioni, le realtà associative, le istituzioni. Ringrazio la fondazione Oelle perché dimostra anche in questa occasione di avere a cuore la nostra città contribuendo a renderla ancora più attrattiva con un’operazione culturale dedicata a mostri sacri della fotografia e uno speciale omaggio artistico alla nostra patrona Sant'Agata». "Queste mostre di caratura internazionale - ha detto Mirabella - ci permettono di connotare la città nel segno della contemporaneità e di traghettare sempre di più la nostra galleria d’arte moderna verso la galleria d’arte contemporanea che abbiamo in mente, colmando un vuoto in un settore che presenta invece a Catania molta richiesta. Ringrazio la Fondazione Oelle che ha dimostrato vicinanza ad un Comune in dissesto con iniziative di qualità condividendo la progettualità di un percorso culturale che non si è fermato neppure con la pandemia». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: