Notizie locali
Pubblicità

Cultura

Il “Kouros ritrovato” dalla Sicilia al Museo di Arte Cicladica di Atene

La scultura che si compone delle due parti – il busto del giovinetto di Leontinoi, esposto al museo Paolo Orsi di Siracusa e la “Testa di Biscari” che appartiene alle collezioni del Museo civico di Castello Ursino a Catania - è stata riassemblate in queste ore nella sua dimensione unitaria

Di Redazione


Il “Kouros ritrovato” è arrivato ad Atene ed è stato trasportato al Museo di Arte Cicladica, dove da fine settembre fino alla seconda metà di gennaio 2022 resterà esposto nella grande mostra internazionale intitolata “Kάllos, La massima bellezza”. La scultura che si compone delle due parti – il busto del giovinetto di Leontinoi, esposto al museo Paolo Orsi di Siracusa e la “Testa di Biscari” che appartiene alle collezioni del Museo civico di Castello Ursino a Catania - è stata riassemblata in queste ore nella sua dimensione unitaria, dopo le mostre di questi ultimi anni a Palermo, Catania e Siracusa, frutto della collaborazione fra Regione Siciliana, Comune di Catania e Fondazione Sicilia. 

Pubblicità

 

 

L’arrivo del Kouros nel Museo di Arte Cicladica di Atene rappresenta la prosecuzione di un percorso di valorizzazione, voluto dall’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana insieme all’assessorato alla Cultura del Comune di Catania e alla Fondazione Sicilia, grazie al quale questa preziosa scultura potrà essere ulteriormente conosciuta a livello internazionale.
 La mostra in programma ad Atene, infatti, attraverso diversi reperti provenienti da musei, soprintendenze e collezioni private non soltanto greche ma di diversi altri Paesi, mette in luce vari aspetti della “bellezza”, declinati nella vita quotidiana e nei temi filosofici dell'antica Grecia. Sarà, inoltre, l’occasione rinsaldare ancora di più i rapporti fra la Sicilia e Atene. E infatti, non è un caso che al termine della mostra arriverà in Sicilia una statua del terzo millennio a.C., ritenuta una delle principali opere attualmente in esposizione nella sala centrale del Museo di Arte Cicladica di Atene: un Idolo, una delle più grandi sculture cicladiche, della varietà Spedos (Antico Cicladico II, cultura Keros-Syros, 2800-2300 a.C.). “La mostra di Atene e la successiva esposizione di un’antichissima scultura cicladica in Sicilia – evidenzia l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – sono tappe di un percorso di relazioni che il Governo Musumeci ha attivato con Atene e che culminerà in importanti iniziative culturali in programma fra la nostra Isola e la Grecia. La mostra del Kouros, inoltre, è un bell’esempio di collaborazione fra istituzioni, grazie alla quale questa operazione è stata resa possibile: la Regione con il Museo Paolo Orsi, il Comune di Catania con il Museo di Castello Ursino, e la Fondazione Sicilia". 

"La presenza del Kouros al Museo di Arte Cicladica - sottolinea l'assessore alla Cultura del Comune di Catania, Barbara Mirabella - è motivo di grande orgoglio anche per la città di Catania, nella quale l’opera ritornerà a gennaio 2022. La “Testa apollinea”, rinvenuta nel Settecento da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, ricongiunta al corpo, a testimoniare l’unicità straordinaria del messaggio scultoreo, è una delle opere più significative del Museo Civico di Castello Ursino. Con il Sindaco Salvo Pogliese salutiamo con soddisfazione l’interesse e la centralità che la Direzione del Museo ateniese hanno immaginato per il “nostro” Kouros, ritrovato e capace di rinnovarsi, con un miracolo che solo l’eternità dell’arte classica poteva regalarci”.
 Il Torso di Kouros, rinvenuto a Lentini nella campagna fuori dall’area della città antica, venne acquistato da Paolo Orsi nel 1904 per mille lire dal Marchese di Castelluccio. La statua doveva probabilmente avere destinazione funeraria. Di kouroi, ovvero di quelle figure giovanili nude simbolo eterno della kalokagathia della coniugazione, cioè, di bello e buono, sintesi dei valori di una società che in quelle opere ne vedeva la personificazione, le città siceliote e i centri della Magna Grecia hanno restituito testimonianze in numero sicuramente minore rispetto alla madrepatria, seppur con esemplari di vero interesse. Il torso rinvenuto ai primi del ‘900 a Lentini è una figura acefala di giovane nudo, in posizione frontale. Ad integrazione del torso si è fatta strada negli anni la pertinenza della testa rinvenuta intorno alla metà del Settecento da Ignazio Paternò Castello, principe di Biscari e conservata nel Museo civico di Castello Ursino di Catania che, grazie a studi anche litografici, si è accertato essere parte del kouros e che oggi ci fa parlare di “kouros ritrovato” nella versione ricomposta che sarà esposta al Museo di Arte Cicladica di Atene.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: