Notizie locali
Pubblicità

Cultura

La Sicilia celebra i 450 anni di Caravaggio con due eventi

Due capolavori del pittore saranno esposti ale MuMe di Messina mentre a Siracusa verranno presentati i tre volumi su «Caravaggio e i Caravaggeschi aretusei»

Di Redazione

Domani la Sicilia celebra i 450 anni di Caravaggio con due iniziative a Messina e Siracusa. Il Museo interdisciplinare MuMe di Messina, che ospita due capolavori del pittore, "Resurrezione di Lazzaro" e "Adorazione dei pastori", su impulso dell’assessore regionale dei Beni culturali, Alberto Samonà, sarà visitabile con un biglietto d’ingresso di due euro. A Siracusa, invece, alla Galleria di Palazzo Bellomo alle 17, verranno presentati i tre volumi su «Caravaggio e i Caravaggeschi aretusei» di Michele Romano e Dario Bottaro, Annalisa Stancanelli, Valentina Certo. Seguirà una visita guidata alle sale del museo dove sono custodite le opere di Mario Minniti, e in particolare «Deposizione», «Miracolo di Santa Chiara», «Martirio di Santa Lucia».

Pubblicità

"Il nostro intento - ha spiegato l’assessore Samonà - è di celebrare il Caravaggio attraverso le opere che ha lasciato durante la sua, breve, ma intensa, permanenza in Sicilia, ma anche quei tanti artisti che con lui hanno condiviso arte e vita. Le attività programmate in collaborazione con il direttore del MuMe, Orazio Micali e la direttrice del Museo Bellomo, Rita Insolia - ha sottolineato Samonà - vogliono offrire la possibilità di un incontro con la luce che distingue lo stile pittorico di Cavaraggio, quasi un invito a guardare con occhio nuovo, come lui fece, la vita». Il Museo di Messina, in accordo con la società di illuminotecnica Erco, ha, fra l’altro, realizzato un intervento di riqualificazione dell’illuminazione dei due dipinti. Riguardo ai caravaggeschi si segnala nelle sale del MuMe a fianco delle due tele del Caravaggio, la collezione comprende opere pittoriche come Rodriguez, Minniti, Paladini, Comandè, Sellitto. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: