Notizie locali
Pubblicità

Economia

Banca centrale russa taglia tassi all'8%, nel 2022 pil -4/6%

Inflazione rallenta, condizioni economiche restano sfidanti

Di Redazione

MILANO, 22 LUG - Nuovo taglio dei tassi da parte della Banca centrale russa, che abbassa il costo del denaro di 150 punti base, dal 9,5 all'8%. "L'attuale tasso di crescita dei prezzi al consumo resta basso, contribuendo ad un ulteriore rallentamento dell'inflazione annua", scesa a giugno al 15,9%, dopo il 17,1% di maggio, e, secondo le stime al 15 luglio in ulteriore calo al 15,5%. La frenata è stata "supportata dalle dinamiche del tasso di cambio del rublo e da una complessivamente modesta domanda dei consumatori", nonché da "un'ulteriore significativa riduzione nelle aspettative di inflazione di famiglie e imprese, tornata ai livelli della primavera 2021". Sul fronte macro le condizioni esterne per l'economia russa restano "sfidanti e limitano significativamente l'attività economica" anche se "attualmente gli indicatori operativi mostrano che il declino dell'attività economica è più lento di quanto" si prevedesse a giugno. Nel suo scenario di base la Banca di Russia si attende un calo del pil del 4-6% nel 2022, seguito da una riduzione tra il 4 e l'1% nel 2023 e una crescita dell'1,5-2,5% nel 2024. Quanto all'inflazione l'attesa è per un aumento tra il 12 e il 15% nel 2022, tra il 5 e il 7% nel 2023 e del 4% nel 2024. Il taglio dei tassi fa scivolare il rublo che perde terreno su tutte le valute e cede il 2,5% sul dollaro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA