Notizie locali
Pubblicità

Economia

Bce: mercati temono rialzo 0,5% e attendono dettagli scudo

Per analisti rischio trappola tassi se recessione si concretizza

Di Redazione

MILANO, 20 LUG - Prende sempre più quota, sul mercato, l'ipotesi che la Bce alzi i tassi di 50 punti base ossia il doppio di quanto annunciato. Resta poi una certa volatilità legata alla mancanza di dettagli sullo scudo anti-frammentazione. "Ci aspettiamo che la Banca Centrale Europea sia più esplicita o addirittura già annunciare l'operatività di tale strumento. Intravediamo il rischio, però, che questo nuovo strumento possa non corrispondere alle aspettative del mercato. In tal caso, il debito periferico potrebbe essere messo sotto pressione", sottolinea Martin Wolburg, senior economist di Generali Investments. Quanto ai tassi e ad un "approccio più aggressivo", secondo Gabriel Debach, market analyst di eToro "una tale mossa segnerebbe una netta deviazione dalla guida a cui Bce ha provveduto recentemente ad informare i mercati. È tuttavia vero che" Francoforte "ha sempre riportato di volersi muovere in un contesto 'data dependent' e sui duplici principi di 'gradualità e apertura a tutte le opzioni'". "In ogni caso, se la recessione dovesse concretizzarsi, potremmo presto tornare nella 'trappola dei tassi' che ha imprigionato l'Europa negli ultimi anni, ovvero uno scenario in cui è particolarmente difficile attuare una politica di rialzo dei tassi", avverte Giancarlo Bilotta, Portfolio Manager Credit Strategies di Plenisfer Investments SGR. "In questo scenario - viene evidenziato - assisteremmo ad una nuova discesa dei tassi nominali e ad una riduzione degli spread, sia governativi che corporate, finora penalizzati dalle preoccupazioni per le attese di crescita dei tassi che hanno sostenuto la volatilità del mercato obbligazionario.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: