Notizie locali
Pubblicità

Economia

Benzina, ovunque prezzi più alti: indagini della Procura di Roma

Fuori controllo anche il costo del gasolio

Di Redazione

A pochi giorni dalle parole del ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, che, a proposito dei prezzi di carburanti ed energia, ha parlato di «colossale truffa a spese delle imprese e dei cittadini», la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine. Si tratta di un procedimento al momento contro ignoti senza indagati e senza ipotesi di reato. «L'indagine è volta a verificare le ragioni di tale aumento ed individuare eventuali responsabili» fanno sapere dalla Procura, ma i rincari non si arrestano. 

Pubblicità

Anche oggi si sono registrati aumenti sulla rete carburanti con il gasolio che supera la benzina. «I prezzi del gasolio sono fuori controllo» taglia secco il presidente di Conftrasporto Paolo Uggé. Secondo le rilevazioni di Quotidiano Energia «la media nazionale» del gasolio «supera di poco la benzina, posizionandosi sopra i 2,3 euro/l in modalità servito e oltre i 2,2 euro nel self. Salgono anche Gpl e metano auto». Il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 2,217 euro/litro. Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 2,220 euro/litro (venerdì 2,173). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato schizza a 2,323 euro/litro e il gasolio servito vola a 2,333 euro/litro». Livelli insostenibili per chiunque e sospetti per molti. Tanto che la stessa Assopetroli-Assoenergia chiede di «garantire la congruità dei prezzi/aumenti» e di «stroncare tempestivamente» a qualunque livello della filiera le «condotte speculative" denunciate da più parti. «Senza ulteriori interventi c'è il rischio di rincari per il terziario di oltre il 160% e per il caro carburanti 21 miliardi di extra costi per il solo autotrasporto» è l’allarme lanciato da Confcommercio che chiede al Governo ulteriori misure fino al "ricorso allo scostamento di bilancio» per poter fare più debito pubblico da destinare ad «adeguati ristori» e ridurre "Iva e accise". 

«Stiamo assistendo ad un aumento del prezzo dei carburanti ingiustificato, non esiste motivazione tecnica di questi rialzi. La crescita non è correlata alla realtà dei fatti è una spirale speculativa, su cui guadagnano in pochi» aveva detto Cingolani evidenziando che «il prezzo del greggio e del gas, è in aumento esponenziale nonostante non ci siano problemi di carenza dell’offerta». L’indagine della procura di Roma sarà ad ampio raggio e riguarderà tutta la filiera. Le organizzazioni dei consumatori, che stanno raccogliendo prove e documentazione a supporto dell’azione delle procure, chiedono il coinvolgimento della Guardia di Finanza e controlli nelle aziende. Il Codacons ha presentato un esposto all’Antitrust e a 104 procure italiane sui "listini prezzi fuori controllo". Se non si ferma la speculazione, e non si pone un tetto ai listini, ulteriori aumenti finiranno per rimangiarsi tutti i tagli fiscali di Iva e accise sui quali la politica sembra pronta ad agire. Allora, suggerisce l’economista e deputato Stefano Fassina «È urgente introdurre prezzi amministrati, in alternativa alle aste 'pay as you clean', per il gas. Soltanto così, si può bloccare la catena della speculazione, devastante per imprese e famiglie. Ridurre accise e Iva al consumo finale alimenterebbe immorali extra-profitti difficili da tassare e scaricherebbe sul debito pubblico oneri insostenibili». Utile anche per il parlamentare di Leu «una separazione fra il mercato del gas e i diversi mercati dell’energia».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: