Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Asia bene nonostante Fed, giù i bond, corre petrolio

Tokyo +1,5%, Hong Kong +2,3%. Cina ribadisce sostegno a economia

Di Redazione

MILANO, 22 MAR - La possibile accelerazione della Fed nella stretta monetaria non scoraggia le Borse asiatiche, che chiudono la seduta in deciso rialzo, indifferenti anche alle notizie in arrivo dall'Ucraina, dove la possibilità di un cessate il fuoco non sembra essere ancora nei radar della Russia. Nel frattempo si sposta in Australia e Nuova Zelanda il sell-off che ha colpito ieri i bond governativi, i cui rendimenti sono ovunque in forte ascesa a causa dell'attesa per il rialzo dei tassi e la corsa dei prezzi. Il rendimento dei treasury americani ha superato il 2,3% mentre il differenziale tra la scadenza a 5 e 30 anni si è portata al minimo dal 2007. Tokyo ha terminato le contrattazioni in progresso dell'1,5%, Sydney e Seul dello 0,9%, Shanghai dello 0,2% mentre Shenzhen cede lo 0,4%. Hong Kong, ancora aperta, avanza del 2,3%. ll Consiglio di Stato cinese ieri ha ribadito l'impegno ad aumentare le misure di supporto all'economia e ai mercati finanziari allo scopo di puntellare la fiducia degli investitori. Più incerta la situazione in Europa e negli Usa, dove il possibile rialzo di mezzo punto percentuale dei tassi alla prossima riunione della Fed schiaccia i future appena sotto la parità. Prosegue intanto inarrestabile la corsa del petrolio, con il Brent che si riporta sotto ai 120 dollari al barile (+2,5% a 118,5 dollari) e il Wti che tratta a 114,4 (+2%), in scia ai timori che anche il greggio russo possa essere oggetto di sanzioni da parte della comunità internazionale.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: