Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa conferma rosso con Wall Street, Milano -4,7%

Attacco a centrale Zaporizhzhia affossa listini, crolla l'euro

Di Redazione

MILANO, 04 MAR - Prosegue in forte calo la seduta delle principali borse europee dopo l'avvio negativo di Wall Street nel giorno dell'attacco alla centrale ucraina di Zaporizhzhia da parte dei russi e a 8 giorni dallo scoppio della guerra. Milano è la peggiore con un calo del 4,7%, mentre Parigi lascia sul campo il 3,7%, Francoforte il 3,3%, Londra il 2,5% e Madrid il 2,4%, mentre l'euro viaggia ormai sotto la soglia degli 1,1 dollari, come nella primavera del 2020. In rialzo a 164,2 punti il differenziale tra Btp e Bund tedeschi, con il tasso annuo italiano in calo di 0,8 punti all'1,56%. Forte tensione sulle materie prime, dal barile di greggio (Wti +4,9% a 112,96 dollari e Brent +3,93% a 114,78 dollari) al MWh di gas (+29,5% a 208 euro). In forte crescita anche il grano duro (+6,52% a 1.255,25 dollari per unità di 5mila bushel), il mais (+4,098% a 778,25 dollari per unità) , tra i metalli, l'alluminio (+4,13% a 3.716,50 dollari la tonnellata). Le vendite si concentrano sul comparto finanziario, con Unicredit (-12,51% teorico) e Bper (-8,51% teorico) congelate al ribasso, Commerzbank (-8,35%), SocGen (-8,02%), Sabadell (-7,3%), Banco Bpm (-6,96%) e Intesa (-6,96%). Sotto pressione gli automobilistici Stellantis (-6,97%), Porsche (-7,31%), Volkswagen (-5,97%) e Bmw (-5,,65%), insieme a Mercedes (-3,49%) e Renault (-3,49%). Soffrono anceh i petroliferi Eni (-5,91%), TotalEnergies (-2,46%), Shell (-2,25%) e Bp (-1,58%), mentre in Piazza Affari Saipem (-4,75%) è stata congelata al ribasso. Non si arresta il crollo di Tim (-15,46%) dopo i conti e le stime sull'anno in corso.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: