Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa corre con speranze tregua, Francoforte +3%

A Milano brilla Leonardo. Frenano petrolio e gas

Di Redazione

MILANO, 11 MAR - Fiammate delle Borse mondiali dopo le parole del presidente russo Vladimir Putin che ha parlato di "progressi" nei negoziati con l'Ucraina. La speranza di una tregua diplomatica ha sbloccato la voglia di rimbalzo dei listini europei, con Milano che sale del 2,4%, Francoforte del 3,4%, Parigi del 2,2% e Londra dell'1,5%. In accelerazione anche i future su Wall Street, in rialzo di oltre l'1%. Lo spread tra Btp e Bund si mantiene attorno ai 161 punti base, con il rendimento dei nostri decennali all'1,9%. Sul listino milanese vola Leonardo (+14,4%) dopo conti migliori delle attese, corrono Iveco (+8%), Tim (+6,4%), Cnh (+4,9%) e Buzzi (+4,8%) mentre anche le banche tirano il fiato con Unicredit che guadagna il 4,1% e Intesa il 3,2%. In Europa decolla l'editore Pearson (+19,3%) che potrebbe essere destinatario di un'offerta di Apollo, avanzano anche le compagnie aeree con Wizz Air che guida il rimbalzo dei titoli legati ai viaggi dopo che Hsbc ha alzato il giudizio sul settore. In spolvero dopo i conti anche Essilux (+6%). Le speranze sull'Ucraina rallentano anche la corsa del petrolio, in accelerazione dopo la sospensione dei negoziati sul nucleare iraniano. Il wti tratta a 107,6 e il brent a 111. Poco mosso anche il gas europeo (+1% a 128 euro), in una seduta piuttosto volatile .

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: