Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa debole attende Usa, Milano la peggiore (-1,6%)

Tensione sui titoli di Stato, Btp al 3,45%. Male le banche

Di Redazione

MILANO, 19 AGO - I mercati azionari del Vecchio continente superano la boa di metà giornata in calo, appesantiti dall'aumento dei prezzi alla produzione in Germania molto oltre le attese e in vista delle scelte in politica monetaria della Federal reserve. Milano, ieri la Borsa migliore, è il listino chiaramente più debole del gruppo, con una perdita dell'1,6% dell'indice Ftse Mib, anche a causa della forte tensione sui titoli di Stato. Tra gli altri mercati europei, con gli operatori in attesa dell'avvio di Wall street con future negativi, Madrid cede un punto percentuale, seguita da Francoforte (-0,9%), Parigi (-0,7%) e Amsterdam, che perde lo 0,3%. Ondeggia sulla parità Londra. I bond di quasi tutti i Paesi del vecchio continente registrano un chiaro rialzo dei tassi, con il rendimento del Btp italiano a 10 anni che sale di 14 punti base al 3,45% e uno spread con la Germania a quota 225. Dopo una partenza piatta, il gas cresce del 3% a 248 euro al Megawattora, mentre l'euro sta scendendo di nuovo verso la parità contro il dollaro, a una quota di 1,006. In questo quadro in Piazza Affari i cali sono guidati dai titoli bancari, con Bper, Mediobanca, Banco Bpm e Unicredit che cedono tre punti percentuali. Giù anche Tim (-2,3% a 0,21 euro), in tenuta Recordati che sale di un punto percentuale.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: