Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa debole con futures, tiene Parigi, Milano -0,7%

Futures in calo, attesa per Powell, giù rublo, vola greggio

Di Redazione

MILANO, 03 MAR - Si confermano negative le principali borse europee al traguardo di metà seduta, nell' 8/o giorno di guerra tre Russia e Ucraina. Nonostante la pausa ai bombardamenti annunciata da Mosca per evacuare i civili dalle città, il mercato si orienta al ribasso, ad eccezione della Borsa di Parigi (+0,03%). Con i futures Usa in rosso Milano, Londra e Francoforte cedono lo 0,7%, mentre fa peggio Madrid (-2,05%) e Mosca continua ad essere chiusa dallo scorso 25 febbraio. Sospese da oggi anche le contrattazioni sui titoli russi a Londra, che ormai avevano raggiunto valori vicini allo zero. Nel giorno dei verbali dell'ultimo Direttivo della Bce sono attese negli Usa le richieste di sussidi di disoccupazione, gli ordini di fabbrica e l'intervento del presidente della Fed Jerome Powell. Prosegue la corsa del greggio ormai sopra i 114 dollari al barile per il Wti e quasi a 117 per il Brent, in rialzo entrambi del 3,55%, mentre il gas naturale si mantiene sui massimi a 169 euro al MWh (+2%). Stabile l'oro a 1.933,74 dollari l'oncia, in rialzo il dollaro a 1,107 euro e a 1,338 dollari, mentre il rublo continua a cedere e si porta a 102,51 sul biglietto verde. A parte i titoli estrattivo-minerari come Glencore (+6%), Anglo American (+4,17%) e Rio Tinto (+2,33%), prevale sui listini il segno meno dai petroliferi Shell (-0,79%) ed Eni (-1,67%). Deboli gli automobilistici Mercedes (-2,75%) e Renault (-2,18%), contrastati i produttori di microprocessori Ams-Osram (-3,1%) ed Stm (+0,77%). Scivolone di Tim in Piazza Affari dopo i conti e le stime sull'anno in corso, sospesa al ribasso con un calo teorico del 13,4%.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: