Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa peggiora, frenano i listini Usa, Milano -1%

Sale il greggio, rendimento Btp al 3,37%, come a gennaio 2018

Di Redazione

MILANO, 03 GIU - Imboccano la via del ribasso le principali borse europee sulla scia del flop dei listini Usa, nonostante l'inatteso aumento dei nuovi posti di lavoro Oltreoceano. Chiusa anche oggi Londra, dove si per festeggiano i 70 anni di regno della regina Elisabetta II. Ampliano il calo Milano (Ftse Mib -1%) e Madrid (-0,3%), mentre girano in negativo Francoforte (-0,1%) e Parigi (-0,2%). Torna ai livelli del gennaio del 2018 il rendimento dei Btp decennali (+7,9 punti al 3,371%), mentre il differenziale sui Bund si porta a 211 punti. Riprende a crescere il greggio (Wti +0,33% a 117,27 dollari al barile) all'indomani della decisione di Opec+ di aumentare la produzione di 648mila barili al giorno in luglio e in agosto. In crescita anche il gas naturale (+0,32% a 84,2 euro al MWh), mentre a Londra non viene scambiato. In calo i produttori di microprocessori Ams-Osram (-4,22%), Infineon (-1,78%) ed Stm (-1,25%). Salgono i petroliferi Eni (+0,65%) e Galp (+1,87%), fiacca Shell (-0,27%, scambiata solo ad Amsterdam), deboli Tenaris (-0,79%), sanzionata per 78 milioni di dollari (72,72 mln euro) dalla Sec per tangenti a Petrobras, e Saipem (-2%). Scivolano tra i bancari Fineco (4,18%), congelata anche al ribasso e Bper (-3,5%), insieme a Banco Bpm (-1,8%) e Intesa (-1,57%), più caute invece Mediobanca (-0,5%) e Unicredit (-0,49%). In controtendenza SocGen (+1%), Bnp (+0,42%) e CaixaBank (+0,24%). Rimbalza Dws (+1,41%) dopo lo scivolone dovuto alle perquisizioni disposte dalla Procura di Francoforte per presunte irregolarità su fondi d'investimento sostenibili, che hanno costretto alle dimissioni l'amministratore delegato Asoka Wöhrmann. Pesanti gli automobilistici Stellantis (-3,15%) e Volvo (-3,53%), più caute Ferrari (-1%), Bmw (-0,95%), Renault (-0,75%) e Mercedes (-0,3%). Bene Leonardo (+1,76%) in Piazza Affari, in vista della probabile cessione della ex Oto Melara e della ex Wass.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: