Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Europa soffre, Parigi -2,6%. Gas +13%, scivola rublo

In calo titoli russi a Londra, salgono petrolio e materie prime

Di Redazione

MILANO, 01 MAR - Le Borse europee arrivano a metà seduta sui minimi di giornata, preoccupate per l'evoluzione della guerra in Ucraina su cui la Russia sta intensificando la pressione militare mentre le sanzioni economiche isolano la Russia e ne colpiscono duramente l'economia. Parigi scivola del 2,6%, Milano del 2,4%, Francoforte del 2,3% mentre Londra contiene le perdite allo 0,9%. In rosso tutti i settori con le vendite che colpiscono principalmente auto (-3,6% l'indice Stoxx), le banche (-2,9%), le utilities (-2,7%) e i titoli legati al turismo (-4,6%). Le tensioni geopolitiche continuano a spingere il prezzo del petrolio, con il wti a 98,9 dollari (+3,3%) e il brent a 101,8 (+4%), mentre decolla il gas, che ad Amsterdam avanza del 13% a 111,3 euro al megawattora. Gli investitori si orientano verso l'oro, che scambia a 1.922 dollari l'oncia, e verso i titoli di Stato, i cui rendimenti sono tutti in calo, anche sull'attesa che la guerra in Ucraina costringerà le banche centrali a ricalibrare la stretta monetaria in corso per contrastare l'inflazione. Lo spread tra Btp e Bund si mantiene a 153 punti, con il rendimento del nostro decennale sceso all'1,56%. Il rublo, che in mattinata era riuscito a ritornare sotto quota 100 sul dollaro, ha nuovamente perso terreno e tratta a 102,4 sul biglietto verde. Chiusa la Borsa di Mosca, a Londra crollano i depositary receipts legati alle azioni dei colossi russi, come Gazprom (-30%) e Sberbank (-18%). In tensione anche le materie prime alimentari con il mais che sale del 2,8% e il frumento del 4,7%.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: