Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Milano chiude in calo con Europa, pensano le utility

Male anche le banche, bene energia. Rendimento del Btp sotto 2%

Di Redazione

MILANO, 23 MAR - La Borsa di Milano (-0,96%) chiude in calo, in linea con gli altri listini europei. I mercati sono stati appesantiti dall'andamento negativo delle utility dopo le dichiarazioni del presidente russo Vladimir Putin sul pagamento del gas in rubli. Andamento negativo anche per le banche mentre ha avuto un balzo il comparto dell'energia, con il petrolio in rialzo. Lo spread tra Btp e Bund chiude le contrattazioni stabile a 151 punti, con il rendimento del decennale italiano che scende sotto il 2% (1,98%) A Piazza Affari seduta sofferta per Unicredit (-2,96%) e Intesa (-2,46%). Vendite sulle utility con Hera (-3,6%), Iren (-2,4%), Italgas (-2,7%) e Enel (-1,9%). Male il comparto dell'auto con Stellantis (-1,5%) e Ferrari (-1,4%). Con l'aumento del prezzo del petrolio vola il comparto dell'energia. Sugli scudi Saipem (+7,2%), alle prese con la manovra di risanamento. Bene anche Tenaris (+2,8%) e Eni (+0,9%). In luce Leonardo (+2,6%), dopo la cessione delle attività Usa nelle tecnologie per comunicazioni e la sicurezza militare. In positivo anche Tim (+0,7%) a 0,30 euro, con il fondo Cvc che conferma di avere il dossier aperto ma smentisce che una decisione sia già stata presa.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: