Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Milano chiude in rialzo (+1%), sprint Banco, giù Tim

Risale Spread. Bene Pirelli, Stm e Unicredit, realizzi Autogrill

Di Redazione

MILANO, 20 APR - Piazza Affari ha chiuso la seduta in rialzo (Ftse Mib +1,03% a 24.878 punti), tra scambi limitati a 2,2 miliardi di euro di controvalore, come spesso accade a cavallo tra le festività di Psqua e del 25 aprile. L'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,03% a 24.878 punti, mantenendosi sotto ai massimi di giornata, mentre il differenziale tra Btp e Bund tedeschi è salito a quota 165,4 punti, con il rendimento annuo in calo di 3,6 punti base al 2,505%. Maglia rosa a Banco Bpm (+4,46%), promossa dagli analisti di Mediobanca che scommettono su una possibile prossima scalata da parte di Unicredit (+1,55%) o di Credit Agricole (+2,95% a Parigi), che già ne controlla oltre il 9%. Occhi puntati anche su Bper (+3,53%), Mediobanca (+2,64%), Intesa (+2,41%) e, tra i titoli a minor capitalizzazione, Credem (+4,48%). Più caute Mps (+1,59%) e Bps (+1,33%). Tornando sul paniere principale hanno corso Pirelli (+3,28%), dopo i dati sulle vendite di auto in marzo, crollate sì su base annua a seguito della guerra in Ucraina, ma salite oltre le stime rispetto a febbraio nel Regno Unito, in Germania e in Italia, a differenza che in Francia. Ha tenuto Stellantis (+0,54%), mentre ha chiuso sotto la parità Ferrari (-0,24%). Poche le vendite, limitate a Diasorin (-1,53%), Amplifon (-1,52%), Tim (-1,21%), Terna (-0,64%), Saipem (-0,4%) ed Enel (-0,26%). Poco mossa Eni (+0,55), sprint di Maire Tecnimont (+3,53%), il cui amministratore delegato Pierroberto Folgiero è stato indicato da Cdp per Fincantieri (-0,57%). Prese di beneficio su Autogrill (-4,78 %), dopo il balzo della vigilia su ipotesi di aggregazione con la svizzera Dufry (-3,11% a Zurigo).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: