Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Milano riduce perdite con Europa, pesante il petrolio

A Piazza Affari male Tenaris, Moncler, Eni. Positivi future Usa

Di Redazione

MILANO, 15 MAR - Restano in rosso a fine mattinata le Borse europee, su cui si accumulano i fattori di tensione: oltre alla guerra in Ucraina, l'attesa per il rialzo dei tassi da parte della Fed nella riunione di domani e l'aumento dei contagi da Covid-19 sia in Cina, dove sono scattati nuovi lockdown, che in Europa, dove in diversi Paesi la curva ha ripreso a salire sotto la spinta dalle nuove varianti Omicron. I listini hanno però ridotto le perdite, che nel corso della mattinata avevano superato abbondantemente il 2%: Parigi cede l'1,6%, Francoforte l'1,5%, Londra lo 0,9% mentre Milano perde lo 0,7%, con Terna (+1,7%), Generali (+1,4%) e Atlantia (+1,3%) che aiutano il Ftse Mib a contenere l'impatto di Tenaris (-4,4%), Moncler (-3,6%) ed Eni (-2,4%), penalizzata dal calo del petrolio. Ad aiutare i listini anche la virata in positivo dei future su Wall Street, in rialzo di un paio di decimi di punto percentuale. Sui mercati internazionali il greggio sconta i timori su un calo della domanda dalla Cina, con il wti sceso a 96,6 dollari al barile (-6,2%) e il brent che si attesta appena sopra quota 100 dollari. In rialzo invece il gas naturale sul mercato di Amsterdam (+6,8% a 122,3 euro). Poco mosso spread e rendimento dei Btp, rispettivamente a 160 e all'1,95%.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: