Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borse in rosso in tutta Europa, spread sopra 230 punti

Milano perde il 2%. Crolla l'Asia, Bitcoin sotto 25mila dollari

Di Redazione

MILANO, 13 GIU - Listini in rosso in tutta Europa. In avvio di seduta Londra cede lo 0,9%, Parigi l'1,6%, Francoforte l'1,43%, Milano il 2 per cento. I livelli sono i minimi dall'inizio di marzo con gli investitori che temono l'aumento dell'inflazione e di conseguenza una stretta monetaria più aggressiva, che aumenta i rischi di una recessione. Cresce la tensione sullo spread tra Btp e Bund, che si allarga oltre i 230 punti (231,5) con i rendimenti spinti sempre più su: quello italiano al 3,85% sui massimi dal 2014 e quello tedesco che sale al di sopra dell'1% per la prima volta in più di un decennio. Crollano anche le borse asiatiche, intimorite dall'inflazione Usa superiore alle attese e con le rinnovate restrizioni Covid-19 in Cina che pesano sulla propensione al rischio degli investitori. L'indice MSCI Asia Pacifico scende fino a -2,4%, i listini di Hong Kong (-3,6% in corso), Giappone (-3%) e Corea del Sud (-3,4%) sono stati tra i maggiori ribassisti. I titoli nel sud-est asiatico sono stati relativamente resilienti, con i benchmark a Singapore e nelle Filippine in calo di meno dell'1%. Contengono le perdite anche Shanghai (-1,2%) e Shenzhen (-0,8%). Gli occhi sono puntati sulle prossime mosse della Fed. Affonda inoltre il prezzo del Bitcoin. La più diffusa delle criptovalute ha perso l'8,9% in Asia, scendendo sotto la soglia dei 25.000 dollari (24.903), ai minimi da 18 mesi, ovvero da dicembre del 2020. I mercati stanno risentendo dell'onda lunga di venerdì in una settimana tutta protesa a mercoledì, quando la Fed annuncerà la propria decisione sui tassi di interesse.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA