Notizie locali
Pubblicità

Economia

Commercio estero: quota di export Italia cala a 2,7% in 2021

Istat-Ice, le esportazioni salgono del 18,2%. L'import del 26,4%

Di Redazione

ROMA, 02 AGO - In uno scenario di "forte ripresa dell'economia mondiale" dallo shock della pandemia, nel 2021 l'Italia vede "un aumento eccezionalmente ampio del valore in euro sia delle merci esportate (+18,2%) sia, più marcato, delle merci importate (+26,4%)". La quota di mercato del Paese sulle esportazioni mondiali di merci (misurata in dollari) registra una lieve flessione, da 2,82% nel 2020 a 2,71%. Sono alcuni dei dati dell'Annuario statistico "Commercio estero e attività internazionali delle imprese" di Istat e Ice . La bilancia commerciale vede un avanzo di 44,2 miliardi di euro, calato di 19,1 miliardi rispetto al 2020. A contribuire alla riduzione del surplus è soprattutto la componente energetica: il deficit nell'interscambio del comparto energia raddoppia, infatti, da -22,4 miliardi del 2020 a -45,1 miliardi del 2021, "a causa dell'eccezionale aumento dei valori medi unitari all'import (+76,7%)". Tra i prodotti manifatturieri in cui l'Italia detiene nel 2021 le maggiori quote sulle esportazioni mondiali l'annuario segnala: materiali da costruzione in terracotta (24,46%); cuoio conciato e lavorato, articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria, pellicce preparate e tinte (14,44%) e prodotti da forno e farinacei (13,01%).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA