Notizie locali
Pubblicità

Economia

Confindustria Moda:ricavi primo trimestre +19,3%,oltre stime

Ma guerra impatta su export e su costi energia e materie prime

Di Redazione

MILANO, 26 MAG - Il primo trimestre del 2022 si chiude con un rialzo del fatturato in media del 19,3%, superiore alle aspettative (+14%). A riferirlo è Confindustria Moda, la federazione italiana che riunisce le associazioni dei settori tessile, moda e accessorio (Tma), che ha presentato in una conferenza stampa i principali dati consuntivi e le previsioni relative al primo semestre dell'anno. Anche l'andamento degli ordini ha registrato un trend molto positivo (+15% rispetto allo stesso periodo del 2021). Per il secondo trimestre, l'incremento medio delle vendite è atteso nell'ordine del 12,9%: una previsione positiva, ma con un rallentamento anche a causa delle incertezze sullo scenario internazionale, su cui pesano principalmente le tensioni del conflitto russo-ucraino, in parte per l'export e in parte per i costi di energia e materie prime. Con queste previsioni, il primo semestre 2022 dovrebbe archiviarsi con una crescita del fatturato del 16%. "Il tessile, moda e accessorio ritrova il proprio ruolo di propulsore dell'economia del Paese - ha commentato il presidente di Confindustria Moda, Cirillo Marcolin -. Internazionalizzazione, sostenibilità e digitalizzazione - ha aggiunto - sono temi chiave per lo sviluppo delle nostre industrie, ma solo crescendo e facendo sinergie fra le risorse saremo veramente in grado di investire in tal senso. La situazione di oggi è delicata, il tessile, moda e accessorio italiano rischia di perdere terreno verso i competitor extra europei, è arrivato il momento che il nostro settore accantoni sterili appelli all'unità e inizi a lavorare davvero in tal senso".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA