Notizie locali
Pubblicità

Economia

Dal sindacato dei regionali sfilza di ricorsi per bloccare tutti i concorsi della Regione siciliana

Il Cobas/Codir: «Non si può consentire che si faccia una mera operazione pre elettorale a discapito dei diritti dei dipendenti in servizio»

Di Redazione

Rinnovo giuridico ed economico del contratto di lavoro per il triennio 2019/21 e procedure di riclassificazione e riqualificazione del personale regionale: è il tema dell’incontro di stamattina con i sindacati, convocati dall’assessore regionale alla Funzione pubblica, Marco Zambuto. Il Cobas/Codir fa sapere che durante la riunione informerà il governo sulle impugnative che sta presentando in tutte le sedi giurisdizionali per bloccare tutti i concorsi banditi dalla Regione siciliana «per i vizi di legittimità fondati sulla mancata riserva dei posti al personale interno».

Pubblicità

«Tali riserve esclusive, con procedure specifiche, si sarebbero dovute attivare per consentire ai dipendenti di progredire in carriera - sostiene il sindacato - Il governo regionale anziché inserire le riserve regolari così come previste dalla vigente normativa, ha ripubblicato i bandi di concorso cassando le "riserve-burla"».

Il Cobas/Codir chiederà al governo di inviare una direttiva all’Aran Sicilia per l’immediato avvio delle trattative e in particolare: tempistica certa sui lavori che consenta la definizione e sottoscrizione del contratto di lavoro e dell’accordo sulla riclassificazione di tutto il personale, sulla base del sistema già deliberato dalla giunta; avvio di trattative in base ai princìpi e ai contenuti del contratto nazionale delle funzioni centrali, firmato a Roma il 22 dicembre scorso e che ha previsto per i dipendenti ministeriali meccanismi di riclassificazione e norme di prima applicazione (articolo 18); trasparenza sulle risorse disponibili al fine di potere procedere al rinnovo dei contratti e alla riclassificazione con lo stanziamento delle somme necessarie più volte promesse dal governo regionale; concorsi riservati ex lege esclusivamente al personale interno avente titolo da prevedere anche ai funzionari direttivi per il passaggio alla dirigenza, passata negli ultimi 20 anni da 2.400 unità a 800 unità circa, con le riserve espressamente previste dalla Legge 10/2000; rivisitazione e aggiornamento economico di tutte le indennità ferme da oltre 30 anni.

«Senza volere assolutamente mettere in discussione il diritto dei disoccupati e cittadini siciliani a partecipare a nuove selezioni concorsuali» il Cobas/Codir «non può consentire che di ciò si faccia una mera operazione pre elettorale a discapito dei diritti dei dipendenti in servizio». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA