Notizie locali
Pubblicità

Economia

In Sicilia i sindacati proclamano sciopero del commercio per dire no all'apertura dei negozi nei giorni festivi

Secondo Filcams, Fisascat e Uiltucs «non vi sono evidenze sull'aumento dei consumi» ed è peggiorata la qualità di vita delle lavoratrici e lavoratori. I lavoratori incroceranno le braccia nei giorni 17 e 18 aprile, 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno.

Di Redazione

No alle aperture dei negozi nei giorni festivi. Per ribadire questa richiesta i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno proclamato in Sicilia lo sciopero regionale del commercio e della distribuzione cooperativa. I lavoratori incroceranno le braccia nei giorni 17 e 18 aprile, 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno. Le segreterie regionali guidate da Monja Caiolo, Giusi Sferruzza e Marianna Flauto spiegano che «la protesta è a sostegno del diritto delle lavoratrici e dei lavoratori del settore di poter conciliare esigenze di vita con esigenze lavorative nonché di garantire loro il riposo nei giorni festivi».

Pubblicità

I sindacati ricordano «quanto previsto dalle normative contrattuali vigenti in materia di adesione volontaria, da parte delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, alla prestazione lavorativa nei giorni festivi e domenicali» e si dicono «fortemente convinti che la liberalizzazione delle aperture commerciali abbia sortito l’effetto di incidere negativamente sulla qualità di vita delle lavoratrici e lavoratori, peggiorando anche le condizioni lavorative».

Secondo Filcams, Fisascat e Uiltucs «non vi sono evidenze sull'aumento dei consumi, ancor più in questo particolare momento storico segnato dalla crisi pandemica e dallo smisurato aumento dei prezzi dovuto anche alle tensioni geopolitiche che hanno inciso negativamente sul potere d’acquisto delle famiglie siciliane».

I sindacati spiegano quindi che «alcune aziende in spregio alle previsioni contrattuali hanno previsto la giornata festiva come lavoro ordinario, per questo siamo costretti a proclamare lo sciopero a sostegno dei lavoratori del settore che illegittimamente sono obbligati alla prestazione festiva. Per l'occasione faremo una richiesta all’assessore regionale alle Attività produttive per tornare a discutere di chiusure domenicali e festive». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA