Notizie locali
Pubblicità

Economia

Mediolanum: utile netto scende a 114 milioni, Cet 1 al 21%

Doris, creiamo valore anche in momenti difficili

Di Redazione

MILANO, 10 MAG - Il gruppo Mediolanum ha chiuso il primo trimestre dell'anno con un utile netto in calo da 133,37 a 114 milioni di euro. Il patrimonio amministrato è stato di 106,1 miliardi, in incremento del 9% rispetto all'analogo periodo precedente ma in calo del 2% rispetto alla fine del 2021, mentre gli impieghi alla clientela hanno raggiunto quota 14,8 miliardi, con una crescita del 3% rispetto allo scorso 31 dicembre e del 18% anno su anno. Si è mantenuto al 21% secco il coefficiente patrimoniale Cet1. Sul primo trimestre di Mediolanum ha pesato la "crescente tensione sfociata nel conflitto in Ucraina e dalla conseguente crisi internazionale, la cui risoluzione mi auguro avvenga il più presto possibile". Lo afferma l'amministratore delegato Massimo Doris sottolineando che, tuttavia, il Gruppo è riuscito a raggiungere "ottimi risultati" che "sono la dimostrazione della capacità e del metodo di lavoro di Banca Mediolanum di produrre valore anche in contesti complessi come quello attuale". "I risultati - spiega Doris - ci indicano che la direzione intrapresa è quella corretta". "Il lavoro di diversificazione dei ricavi, in linea con la strategia di consulenza al cliente - conclude il Banchiere - sta dimostrando grande forza, con le principali fonti di ricavo in crescita e con un ottimo andamento della raccolta". Il margine operativo del gruppo Mediolanum è salito nel trimestre del 13% a 142 milioni, mentre la raccolta netta in prodotti gestiti ha mitigato il calo delle masse dovuto all'andamento e ha sostenuto le commissioni ricorrenti, salite del 9% 371,9 milioni. Identico l'aumento del margine di interesse, che ha raggiunto quota 70,4 milioni. Limitata allo 0,71% l'incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale dei crediti, in incremento da 4 a 411 milioni le poste straordinarie per contributi e fondi di garanzia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: