Notizie locali
Pubblicità

Economia

Pil primo trimestre negativo a -0,2% ma batte stime governo

Def prevedeva un calo dello 0,5%. Crescita tendenziale al 5,8%

Di Redazione

ANSA Lavoro - ROMA, 29 APR - L'economia italiana si contrae, ma meno del previsto. Nel primo trimestre del 2022 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente (chiuso a +0,7%) ed è cresciuto del 5,8% in termini tendenziali. Lo calcola l'Istat in base alle stime preliminari sui primi tre mesi dell'anno. Nel Def il governo aveva previsto un calo sul trimestre precedente dello 0,5%. Il calo congiunturale è il primo dopo quattro trimestri consecutivi di crescita. L'ultimo dato negativo risale infatti all'ultima parte del 2020. Il -0,2% è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nel comparto dell'agricoltura, silvicoltura e pesca, di una riduzione in quello dei servizi e di una stazionarietà nell'industria. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto negativo della componente estera netta. Alla luce dei nuovi dati, la crescita acquisita per il 2022, quella che si otterrebbe con variazioni nulle nei prossimi tre trimestri è pari al 2,2%, in lieve riduzione rispetto al +2,3% stimato alla fine del 2021.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA