Notizie locali
Pubblicità

Economia

Prezzi guerra: gas sale con incendio terminal, petrolio stabile

Oro poco mosso. Grano duro e frumento deboli

Di Redazione

MILANO, 09 GIU - Giornata segnata dalla corsa del gas con un incendio in un grande terminal di esportazione negli Stati Uniti in Texas che mette a rischio le consegne a un mercato che è in stato di massima allerta per la Russia. Il prezzo ad Amsterdam che ha sfiorato anche i 92 euro, è sceso a 85 euro e segna un rialzo di quasi il 7%. A Londra è a 155 penny al Mmbtu con un +19 per cento. Il petrolio, dopo il balzo della vigilia ai massimi da 14 anni, è abbastanza stabile è oscilla con il wti (-0,19%) a ridosso dei 122 dollari al barile. I brent si conferma sopra a 123 (-0,08%) dollari. Sul fronte dei metalli l'oro è stabile a 1848 dollari l'oncia. Nell'agroalimentare è in calo tanto il grano duro (-0,5% a 1.149 dollari per unità contrattuale da 5mila staia) quanto il frumento (-0,7% a 1.066 dollari) mentre resta il braccio di ferro sul grano, con Mosca che permetterà lo sblocco delle esportazioni dai porti ucraini solo se verranno tolte le sanzioni.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA