Notizie locali
Pubblicità

Economia

Prezzi guerra: gas sotto i 280 euro, nuovo record del carbone

Sale il greggio, in calo le quotazioni del grano

Di Redazione

MILANO, 29 AGO - Frenano in avvio di settimana le princiali materie prime che più hanno subito i contraccolpi della guerra tra Russia e Ucraina, in corso ormai da oltre 6 mesi. In particolare si segnala il passo indietro del gas naturale, che cede ad Amsterdam il 19,52% a 273 euro al MWh, di nuovo sotto la soglia dei 280 euro e ben al di sotto del record di 339 euro al MWh di venerdì scorso. In rialzo il carbone (+2,64% a 374,65 dollari la tonnellata), che raggiunge un nuovo record storico, mentre risale lentamente il greggio (Wti +0,74% a 93,82 euro al MWh). In calo l'oro (-0,53% a 1.728 dollari l'oncia) e gli altri metalli mentre sul fronte agricolo arretrano sia il grando tenero (-0,84% a 798,5 dollari per unità da 5mila staia) sia quello duro (-0,99% a 873,5 dollari).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA