Notizie locali
Pubblicità

Economia

Prezzi guerra: timori recessione frenano il greggio, oscilla gas

Grano in ribasso, contrastati oro, argento, ferro e acciaio

Di Redazione

MILANO, 23 SET - I timori per una recessione mondiale frenano le quotazioni del greggio, che trascinano solo in parte quelle del gas, oggi piuttosto volatile. In calo anche il frumento, contrastati invece i metalli. Cede il 2% il petrolio Usa (Wti) a 81,81 dollari al barile, mentre il Brent del Mare del Nord arretra dell'1,76% a 88,82 dollari al barile. Piuttosto nervoso il lisitino Ttf di Amsterdam del gas naturale, dove si alternano rialzi e ribassi dall'apertura di stamane per i futures sul mese di ottobre, in calo dell'1,85% a 184 euro al MWh. Segno meno anche a Londra (-2,08% a 281,62 penny per singola unità termica Mbtu). Segnano il passo le quotazioni del grano duro (-1,23% a 967,5 dollari per unità contrattale da 5mila staia) e di quello tenero (-1,67% a 895,5 dollari), mentre si muovono a due velocità i metalli. Cedono l'oro (-0,75% a 1.655,73 dollari l'oncia) e l'argento (-1,23% a 19,34 dollari l'oncia), salgono invece il ferro (+1,62% a 721 dollari la tonnellata) e l'acciaio (+1,34% a 3.768 dollari la tonnellata).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA