Notizie locali
Pubblicità

Economia

Sbloccati 6,3 miliardi, in Sicilia i fondi per la ferrovia Catania Palermo e l'autostrada Siracusa Gela

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile ha dato l'ok all’anticipazione per il Fondo Sviluppo e Coesione (periodo 2021-2027) e per il Piano di fattibilità tecnico economica

Di Redazione

Via libera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess) all’anticipazione di oltre 4,7 miliardi di euro del Fondo Sviluppo e Coesione (periodo 2021-2027) per opere infrastrutturali immediatamente cantierabili a cui si aggiungono 1,6 miliardi di interventi strategici programmati la cui attuazione avverrà non appena sarà disponibile il Piano di fattibilità tecnico economica.

Pubblicità

 Nell’elenco ci sono realizzazioni attese da anni, fra le quali il collegamento stradale tra la A1, l’aeroporto di Grazzanise e la direttrice domiziana (variante di Capua); il nuovo collegamento tra Afragola e la rete metropolitana di Napoli nell’area di Bagnoli; il collegamento stradale tra la A2 e la variante SS18; la linea ferroviaria Catania-Palermo (2° macrofase); l’autostrada Siracusa-Gela nel secondo tronco; il nodo ferroviario di Bari; la Statale 106 Jonica nella tratta Catanzaro-Crotone; il completamento dell’elettrificazione della linea ferroviaria jonica; la strada a scorrimento veloce del Gargano; la Poggio Imperiale- Candela; la Fondovalle Calore e tra le opere idriche la diga di Campolattaro.

«Buone notizie per milioni di cittadini meridionali - ha detto il ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Mara Carfagna -. Con la delibera Cipess appena varata finanziamo opere stradali, ferroviarie e idriche al Sud per 5,1 miliardi: opere già pronte per essere realizzate che adesso, con la dotazione delle risorse necessarie, possono essere avviate. Si tratta di un colossale investimento, che comprende anche l'assegnazione di fondi per 200 milioni di euro al Contratto di Sviluppo per la Terra dei Fuochi. Il complesso degli interventi darà impulso alla crescita e all’occupazione, ma migliorerà anche la vita quotidiana di tante persone con collegamenti più rapidi ed efficaci».
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA