Notizie locali
Pubblicità

Economia

Sicilia, il pg della Corte dei conti avvisa Ars: rendiconto 2019 sub judice

La copertura finanziaria dei Lea e il fondo crediti di dubbia esigibilità (Fcde), i punti critici rivelati dai viceprocuratori 

Di Redazione

Rischia un altro «stop» l’iter di approvazione del rendiconto 2019 della Regione siciliana, il cui disegno di legge è iscritto all’ordine del giorno dei lavori dell’Assemblea regionale siciliana. Questa volta è la Procura generale della Corte dei Conti a mettere le mani avanti. E lo fa nelle conclusioni, appena depositate, sul ricorso presentato dalla Procura contabile contro la parifica del documento, seppur parziale, fatta dalle Sezioni riunite della Corte dei Conti. Secondo i vice procuratori generali Adelisa Corsetti e Sabrina D’Alesio, la Regione siciliana avrebbe cercato di accelerare l'approvazione del ddl del rendiconto, approvandolo in giunta lo scorso 7 settembre dopo avere ottenuto la parziale parifica, e trasmettendo all’Ars per il via libera definitivo. «Con riguardo al giudizio in esame, è evidente come l’approvazione del rendiconto da parte della giunta regionale, mediante la deliberazione 354 del 7 settembre 2021, siano circostanze idonee a rivelare l’intento dell’amministrazione regionale a perfezionare il procedimento legislativo regionale senza attendere la pronuncia di codesto Supremo Consesso - si legge nelle conclusioni - La Procura generale evidenzia che l'eventuale approvazione del rendiconto regionale nelle more della decisione sul ricorso proposto darebbe luogo a un vulnus di tutela delle ragioni sottostanti alla proposizione del gravame».

Pubblicità

Sono due i punti su cui i vice procuratori puntano il dito: la questione di legittimità costituzionale contestando l’utilizzo di parte delle risorse del fondo sanitario, destinato a garantire i livelli essenziali di assistenza (Lea), al pagamento di un mutuo contratto con lo Stato. Per la Procura generale questo «risulta contrario alla Costituzione in quanto non assicura la copertura finanziaria dei Lea in ambito regionale tanto più in ragione della grave criticità della gestione sanitaria in cui versa la Regione siciliana e della sua sottoposizione al piano di rientro». Altra questione sollevata è il calcolo «errato» della Regione per quanto riguarda il fondo crediti di dubbia esigibilità (Fcde). «È da ritenere fondato il motivo di ricorso con cui Procuratore di appello presso la Regione siciliana si duole dell’errato calcolo del Fcde - si legge nelle motivazioni - I principi contabili avrebbero dovuto essere interpretati nel senso di ricomprendere le risultanze della riscossione del quinquennio 2015-2019, anziché quello del quinquennio 2014-2018. circostanza, questa, per cui il Fcde, come rideterminato dal procuratore non risulterebbe congruo per una cifra maggiore, di circa 45 milioni di euro e non quasi 35 milioni di euro indicato dalle Sezioni riunite».
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: