Notizie locali
Pubblicità

Economia

Unicredit rompe gli indugi: pronti ad acquisire MpS

Il gruppo mette nel mirino una potenziale operazione su un «perimetro selezionato» del Monte e si prepara ad una trattativa in esclusiva con il Ministero del Economia che ne detiene il 64% 

Di Redazione

Unicredit, dopo mesi di indiscrezioni, rompe gli indugi su Mps. Il gruppo guidato da Andrea Orcel che in poco tempo sta ridando smalto alla banca, mette nel mirino una potenziale operazione su un «perimetro selezionato» del Monte e si prepara ad una trattativa in esclusiva con il Ministero del Economia che ne detiene il 64%. 
 «E' presto per dire ora se il Governo sarà azionista di Unicredit», sottolinea il Ceo in una conference call convocata in pochi minuti. «Abbiamo un obiettivo in mente e puntiamo a concludere la trattativa il più presto possibile», spiega il manager aggiungendo che «il perimetro che possiamo acquisire lo si saprà in settembre». 

Pubblicità

Nel dettaglio Unicredit concorderà con Siena, i cui vertici hanno espresso soddisfazione per la manifestazione di interesse, l'accesso ad una virtual data room dedicata per lo svolgimento dell’attività di due diligence. L’operazione allo studio sarà subordinata all’esito positivo della verifica della sussistenza dei presupposti essenziali, della due diligence legale, patrimoniale, fiscale, contabile e industriale, e dei colloqui con il Mef e con Rocca Salimbeni con l’obiettivo di arrivare ad una più puntuale definizione della struttura, dei termini e del perimetro dell’operazione, nonché alla successiva definizione dei relativi accordi vincolanti. 
 

Per verificare la fattibilità dell’operazione a livello patrimoniale ed economico tra i principali presupposti concordati con il Mef c'è soprattutto la neutralità (l'acquisizione di Mps «non avrà nessun effetto negativo sulla banca», assicura Orcel) rispetto alla posizione di capitale del gruppo su base pro forma. Ma anche un accrescimento significativo dell’utile per azione dopo aver considerato le possibili sinergie nette dell’operazione ed in ogni caso il mantenimento dei livelli attuali di utile per azione anche prima di tener conto delle possibili sinergie al 2023; 
 Altri punti cardine e di non poco conto sono l’esclusione di contenziosi straordinari non attinenti all’attività di ordinaria gestione bancaria e di tutti i relativi rischi legali, attuali o potenziali. Ed anche l’esclusione dei crediti deteriorati e l'adeguata copertura di eventuali ulteriori rischi di credito che siano identificati anche a seguito della due diligence attraverso modalità da definire.

«Tutto gli npl della banca saranno lasciati indietro. La banca arriverà con zero npl», evidenzia Orcel ribadendolo anche per i rischi legali altro nodo importante. Attenzione poi alla gestione del personal,e in funzione del compendio inerente all’esercizio delle attività commerciali, al fine di assicurare un’integrazione agevole, rapida ed efficace del business nel gruppo di Piazza Gae Aulenti. 

 Una potenziale operazione con Mps, su cui il presidente ed ex ministro dell’economia Pier Carlo Padoan si è astenuto, permetterebbe a Unicredit di accelerare i piani di crescita organica e agevolare il raggiungimento di ritorni sostenibili superiori al costo del capitale», spiega il gruppo di Piazza Gae Aulenti. «Liberare l’enorme valore che UniCredit ha al suo interno continua ad essere la nostra priorità. Tuttavia, sono sempre stato chiaro - afferma ancora Orcel - sul ruolo che l’MpS potrebbe giocare come potenziale acceleratore in grado di migliorare i nostri risultati strategici, sempre nel pieno rispetto dell’interesse dei nostri azionisti» . 

Mps ha circa 3,9 milioni di clienti, 80 miliardi di euro di crediti alla clientela, 87 miliardi di depositi della clientela, 62 miliardi di euro di masse in gestione e 42 miliardi di masse in amministrazione. L’operazione permetterebbe a Unicredit di rafforzare il posizionamento competitivo in Italia e in particolare nel Centro-Nord, dove si trova il 77% degli sportelli di Mps contribuendo fra l’altro a una crescita della quota di mercato in Toscana di 17 punti percentuali, in Lombardia e in Emilia Romagna di 4 punti percentuali e in Veneto di 8 punti percentuali. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: