Notizie Locali


SEZIONI
Catania 31°

Economia

Sburocratizzazione, il Governo regionale presenta una sua proposta parallela a quella del Parlamento

Di Redazione |

PALERMO Da una parte l’Assemblea siciliana, dall’altra il governo. Al centro, un tema cruciale in questa difficile fase di emergenza socio-economica post-Covid: la semplificazione e la sburocratizzazione. In commissione Affari istituzionali dell’Ars è già stato approvato il ddl cosiddetto Sammartino, dal deputato di Iv che l’ha proposto e sul quale convergono anche pezzi della maggioranza. Un testo su cui si è speso il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, che guida il fronte della burocrazia zero. In giunta, però il governo Musumeci ha varato un proprio disegno di legge a firma del vice presidente Gaetano Armao e dell’assessore per le Autonomie Bernardette Grasso, trasmesso al Parlamento. Il ddl parlamentare è già all’ordine del giorno di Sala d’Ercole, pronto per l’esame in aula, che si riunisce nel pomeriggio. A poche ore dalla seduta, l’assessore Grasso firma una nota: «L’attuale emergenza sanitaria e socio-economica richiede di rispondere a circostanze straordinarie con scelte innovative. Ecco perché il ddl semplificazione, che ho firmato assieme al vicepresidente Gaetano Armao, propone soluzioni che velocizzano procedure e opere strategiche dando coerente seguito, con l’art. 1, al modello delle norme nazionali in materia di Protezione civile». Per Grasso, «la Sicilia avanza un unicum fra le legislazioni regionali, prevedendo la nomina di commissari delegati che operino in regime straordinario, sui singoli interventi anche sostituendosi all’amministrazione regionale o locale; solo la Puglia, di recente, ha adottato un provvedimento in parte simile. In sostanza, creiamo i commissari e diamo loro gli effettivi poteri che servono per tagliare le lungaggini».

«L’iniziativa del governo Musumeci – insiste Grasso – recepisce così quegli indirizzi sul taglio della burocrazia che Forza Italia, grazie alla costanza e al coraggio del presidente Gianfranco Micciché, ha imposto nell’agenda politica siciliana. Con il ddl Semplificazione, inoltre, cogliamo un ulteriore risultato: immettere nel dibattito parlamentare in corso sul ddl Sburocratizzazione, che vede come primo firmatario Sammartino e che era stato condiviso da tutti i capigruppo, un contributo tecnico decisivo per abbattere gli orpelli della burocrazia».

Per l’assessore «Il ddl già licenziato dalla I commissione è condivisibile nella parte in cui prevede il potenziamento del ruolo delle autocertificazione, tuttavia – sottolinea Grasso – per fornire risposte concrete e rapide ai cittadini, occorre corredarlo all’effettivo ‘rafforzamento dell’obbligo di controlli da parte delle amministrazioni, con criteri proporzionali al rischio e alla rilevanza dei procedimenti, ciò anche alla luce del piano Colao pubblicato oggi. Il ddl sburocratizzazione è dunque apprezzabile – conclude l’esponente del governo Musumeci – ma ne vanno superati i limiti attraverso quelle soluzioni tecnico-giuridiche corrette che oggi stiamo mettendo in campo». COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA