Notizie locali
Pubblicità
Piazza Armerina: il Palio dei Normanni ai tempi del Covid si trasforma in videogame

Enna

Prenotazioni e Green Pass per il Palio di Piazza Armerina

In programma il 13 e 14 agosto, è una delle rappresentazioni storiche più importanti del Paese e uno degli eventi culturali della Sicilia maggiormente conosciuto all’estero

Di Redazione

Anche nel 2021 il Palio dei Normanni di Piazza Armerina, in provincia di Enna, non si ferma e prosegue la tradizione che da 68 anni unisce la storia del passato con il sentimento popolare religioso e civile della popolazione. Dedicato a Ruggero D’Altavilla, che nel XII secolo liberò la città dai Saraceni, il Palio, in programma il 13 e 14 agosto, è una delle rappresentazioni storiche più importanti del Paese e uno degli eventi culturali della Sicilia maggiormente conosciuto all’estero. 

Pubblicità

L’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione e il Green pass sarà obbligatorio. Si dovrà inviare una email entro e non oltre le ore 14 del giorno del 13 a palio2021@comunepiazzaarmerina.it. 
 Il 13 agosto alle 21 l’appuntamento è nel Campo Sant'Ippolito con la Quintana del Saraceno, una sfida a cavallo tra i quartieri storici (Monte, Canali, Castellina, Casalotto) in quattro prove di abilità. All’interno verranno inseriti anche i momenti salienti del corteo. Il giorno successivo a consegna delle chiavi. Al quartiere vincitore verrà assegnato lo stendardo raffigurante Maria S.S. delle Vittorie, che sarà conservato nella parrocchia del quartiere vincitore. 

In programma anche la presentazione e proiezione del docufilm "Il Palio dei Normanni. La storia e la leggenda», a cura della regista Gisella Calì, realizzato con attori e teatranti tra le mura antiche della città. Prodotto da Fiat Lux 2.0 in collaborazione con DeMaterial srl, il documentario indaga le origini del Palio seguendo le tracce del gran Conte Ruggiero d’Altavilla nelle splendide atmosfere dei monti dell’appenino calabro, dei Peloritani, dei Nebrodi e delle Madonie tra antiche cattedrali e castelli diroccati. Altra novità di questa edizione 2021 è l’istituzione del Museo degli Abiti del Palio, finanziato dal Gal Rocca di Cerere, all’interno del quale verranno custoditi ben 600 abiti artistici realizzati dalla sartoria cinematografica Pierantoni. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: