Notizie Locali


SEZIONI
Catania 26°

Europa

Dal Parlamento europeo arriva l’ok finale allo stop alle vendite di auto inquinanti dal 2035

Di Redazione |

STRASBURGO – Via libera definitivo dell’Eurocamera all’accordo, raggiunto dallo stesso Parlamento e dal Consiglio Ue lo scorso novembre, . L’ok definitivo della Plenaria è avvenuto con 340 voti favorevoli, 279 contrari e 21 astenuti.La nuova legislazione è parte del pacchetto “Fit for 55” e stabilisce il percorso verso l’azzeramento delle emissioni di C02 per le nuove autovetture e i veicoli commerciali leggeri nel 2035. Gli obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni per il 2030 . La Commissione presenterà entro il 2025 una metodologia per valutare e comunicare i dati sulle emissioni di C02 durante l’intero ciclo di vita delle autovetture e dei furgoni venduti sul mercato dell’Ue.Entro dicembre 2026, la Commissione monitorerà il divario tra i valori limite di emissione e i dati reali sul consumo di carburante e di energia, presenterà una metodologia per adeguare le emissioni specifiche di CO2 dei costruttori e proporrà adeguate misure di follow-up. Secondo la nuova legislazione i costruttori responsabili di piccoli volumi di produzione in un anno solare (da 1.000 a 10.000 nuove autovetture o da 1.000 a 22.000 nuovi furgoni) possono ottenere una deroga fino alla fine del 2035. Dopo il voto finale in Aula, il Consiglio Ue dovrà approvare formalmente il testo prima della sua pubblicazione in Gazzetta ufficiale.La maggioranza di governo si è mostrata unita e tutta contraria al nuovo regolamento che prevede lo stop ai veicoli con motore a combustione interna dal 2035. La legislazione non è passata a grande maggioranza e , con il gruppo dei popolari che a sua volte si è diviso. Al suo interno la delegazione di Forza Italia ha votato compatta per il no e anche Fratelli d’Italia e Lega si sono schierati in maniera omogenea contro l’approvazione.Il nuovo regolamento è passato grazie al sì dei socialisti, dei Verdi, delle Sinistre e di gran parte dei liberali di Renew. Netto anche l’appoggio della delegazione del M5S. Minoritaria (venticinque membri circa), invece, la fetta del gruppo dei popolari che ha votato a favore dello stop ai veicoli inquinanti di nuova immatricolazione. Ad eccezione di 5 favorevoli e un astenuto anche i Conservatori e Riformisti (co-guidati da Fdi) hanno votato ‘no’, così come il gruppo Identità e Democrazia (a cui appartiene la Lega).ANSA ha poi visionato la proposta di regolamento sui nuovi standard di emissione di CO2 per i mezzi pesanti che la Commissione europea presenterà nelle prossime ore. Prevede . Secondo il testo i mezzi pesanti nuovi dovranno ridurre le emissioni di CO2 in modo progressivo del 45% nel 2030, del 65% al 2030 e del 90% al 2040.La proposta Ue sui nuovi standard di emissione per camion e furgoni ha subito diversi ritardi a causa delle divergenze in seno alla stessa Commissione europea, con una parte della quale che avrebbe voluto una linea più dura , mettendo al bando tutti i motori alimentati in maniera tradizionale (e in particolare benzina e diesel), tranne quelli elettrici a celle a combustibile o a batteria.Il confronto tra i commissari Ue ha visto considerare in queste settimane opzioni dal . In una lettera congiunta diffusa nei giorni scorsi un centinaio di imprese e associazioni di categoria (dai costruttori di veicoli ai produttori di carburanti di vario tipo) avevano chiesto alla Commissione europea di tenere conto, oltre all’elettrificazione e all’idrogeno, anche del contributo che i combustibili sostenibili e rinnovabili possono dare alla decarbonizzazione dei trasporti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA