Notizie locali
Pubblicità

Europa

Al panel dei cittadini, ci vuole più parità di genere per un'Europa migliore

Di Redazione

BRUXELLES - I cittadini selezionati per partecipare alla Conferenza sul futuro dell'Europa tornano a lavorare sulle loro proposte per migliorare l'Ue. Dopo l'incontro con gli eurodeputati, avvenuto alla plenaria del 23 ottobre a Strasburgo, i 200 cittadini che compongono il secondo panel dedicato ai temi della democrazia europea e dei valori e dei diritti nell'Ue sono tornati a riunirsi questo fine settimana, questa volta in videoconferenza. "Vorrei più parità di genere per migliorare l'Europa in termini di produttività e di inclusività reale", è la richiesta di Valentina Balzani di Formiglione in provincia di Modena, specialista di comunicazione ed editoria e una dei duecento cittadini estratti a far parte del secondo panel tematico., spiega Balzani all'ANSA a margine della videoconferenza in cui i cittadini lavorano sulle loro proposte. L'esperienza di coinvolgere i cittadini in un esperimento di democrazia partecipativa è "un format decisamente adatto a continuare anche in futuro", ha spiegato l'emiliana, mettendo tuttavia in guardia sul fatto che "a causa del 'digital divide' i documenti e i sistemi partecipativi devono essere concepiti per essere accessibili per tutti, alcuni dei cittadini coinvolti si trovano infatti a dover affrontare maggiori difficoltà di altri". Usa la piattaforma digitale per dire la tua -->

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: