Notizie locali
Pubblicità

Europa

Il 51% dei politici italiani è insoddisfatto dal peso degli enti locali

Di Redazione

BRUXELLES - È uno dei risultati principali di un sondaggio pubblicato in occasione della Settimana europea delle regioni e delle città e condotto dal Comitato Ue delle Regioni (CdR) Gli esponenti italiani provengono per la maggior parte da Pd (26), Lega (20) e indipendenti (17). In Europa il dato differisce significativamente tra i Paesi: la percentuale di chi considera scarso il peso degli enti locali sul futuro dell'Ue varia dall'87% in Ungheria al 12% in Grecia.Dal sondaggio emerge che la quasi totalità dei politici locali italiani considera, inoltre,, due dati superiori alla media europea rispettivamente di 5 e 7 punti percentuali. Tra i temi su cui le Regioni e le città italiane vorrebbero avere più voce in capitolo nel processo decisionale Ue rientrano economia, giustizia sociale e occupazione (55%); cambiamento climatico (53%) e istruzione, cultura, gioventù e sport (48%), priorità in linea con quelle espresse dai politici locali in Europa. Sull'immigrazione, invece, si registra un maggior interesse da parte degli italiani (38%) rispetto alla media europea (29%). La maggior parte degli intervistati, tanto in Italia (55%), quanto in Europa (54%), infine, è a conoscenza della Conferenza sul futuro dell'Europa, ma solo una minima parte, il 3%, partecipa attivamente all'iniziativa.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: