Notizie locali
Pubblicità

Europa

Sud Italia ultimo in Ue per occupati dopo studi professionali

Di Redazione

BRUXELLES - hanno i - rispettivamente - per i neodiplomati nel settore. Emerge dalle ultime statistiche aggiornate di Eurostat sulle disparità regionali nella transizione dall'istruzione al lavoro. Nel 2020 il tasso di occupazione nell'Ue dei neodiplomati o neolaureati che hanno partecipato a programmi di studi professionali nell'istruzione secondaria superiore o post-secondaria non terziaria è stato del 76%, in calo dal 79% del 2019 e ancora lontano dall'obiettivo Ue di almeno l'82% entro il 2025. che registra già l'88% di occupazione tra i giovani con una formazione professionale, e il Veneto (79%). Seguono il Friuli-Venezia Giulia (72%) e l'Emilia-Romagna (71%). , con meno della metà dei ragazzi usciti da studi professionali in Grecia, Spagna meridionale, Sud Italia e alcuni dipartimenti francesi d'oltremare che erano riusciti a trovare lavoro tra il 2019 e il 2020. In cima alla graduatoria, con il 100% del tasso di occupazione, ci sono invece le regioni olandesi di Flevoland e Zeeland, Lussemburgo, la tedesca Treviri e la svedese Övre Norrland.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: