Notizie locali

Archivio

Nove giovani catanesi mendicanti della Madonna Nera

Di Redazione
Pubblicità

Nove GIOVANI catanesi, quasi tutti laureandi o da poco laureati hanno compiuto il pellegrinnaggio a piedi in Polonia da Cracovia a Czestochowa. Un modo per andare più a fondo nella loro vita e nelle scelte da compiere. Riportiamo alcuni brani dal diario di uno di loro. «Sono partito per Czestochowa con la consapevolezza che la felicità vera fosse irraggiungibile con le forze e i mezzi umani e soprattutto con una quantità indefinita di domande: cosa fare dopo? Restare a Catania o andare via? Cosa è meglio per me dopo la laurea? È davvero possibile lavorare in un periodo, come questo, di crisi imperante? Insomma, sono partito con la coscienza di chi si reca presso un “ufficio di collocamento”: per essere più chiari, cercavo nello sguardo di Maria, e, quindi, nell'avvenimento cristiano, qualcosa che si sostituisse alla mia libertà. In realtà l'avvenimento cristiano non risolve i problemi, non si sostituisce alla libertà di nessuno, ma anzi la acuisce. Si incarna una proposta decisiva e ineludibile: “seguimi”. Di fronte a questa proposta si può dire sì o si può dire no. Non ci sono vie di mezzo».

Su La Sicilia di lunedì 18 agosto il racconto completo e le interviste

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità
Di più su questi argomenti: