home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, incendio distrugge la Rugby Club House a Librino

L'edificio completamente devastato. Indaga la Polizia. Pochi dubbi sulla matrice dolosa del rogo. Nei prossimi giorni nel quartiere è prevista la visita del presidente della Repubblica Mattarella. Bianco: «La ricostruiremo»

Un incendio, di probabile natura dolosa, ha quasi distrutto la notte scorsa il «club house», sede della quadra di rugby I Briganti Asd Onlus di Librino di Catania. La struttura è un luogo di aggregazione dei giovani in un rione popolare con una forte presenza criminale. Nell’estate del 2016 vi si recò in visita la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini.

L’incendio si è sviluppato intorno all’una e trenta ed ha interessato un’ala di uno stabile della struttura.
Accanto al «club house» si trovano gli orti sociali del quartiere, uno dei luoghi in cui è previsto sia tra gli appuntamenti della visita a Catania, martedì prossimo, del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

A dare notizia dell’incendio è stata la stessa associazione I Brigantì con un post pubblicato sulla propria pagina Facebook. «La nostra Club House - si legge - non esiste più. Un incendio doloso appiccato l’ha completamente distrutta. Sono andati perduti dieci anni di ricordi, trofei, l’intero patrimonio della Librineria, tantissimi cimeli accumulati in questi anni, il materiale tecnico e medicale, la cucina, tutto, tutto distrutto dall’incendio».

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e personale della polizia scientifica, della Digos e della squadra mobile della Questura di Catania.

«Mi impegno personalmente a far ricostruire al più presto la Club House intitolata a Giuseppe Cunsolo e la Librineria: Catania non può perdere i luoghi simbolo della rinascita di un quartiere creati da quella meravigliosa realtà che sono i Briganti». Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco commentando la notizia dell’incendio.

«E' un atto di una gravità inaudita - ha dichiarato Bianco - che scuote le coscienze di ogni cittadino onesto. Sono sicuro che saranno condotte accurate indagini. Si è voluto cancellare un lavoro di anni, ricordi e trofei. E non è il primo gesto compiuto contro i Briganti. Ricordo bene i furti e le azioni di vandalismo nella loro sede nel febbraio del 2015. Come dissi in quell'occasione quando mi recai a portare la solidarietà della città e mia personale, se qualcuno intende intimorire i Briganti deve sapere che con loro ci sono l’Amministrazione comunale e Catania, deve sapere che l’unico risultato che otterrà sarà quello di farci raddoppiare gli sforzi per la legalità e per dare un futuro al quartiere».

L’Autobooks del Comune di Catania sarà subito spostato nella zona e il Comune promuoverà una raccolta di libri straordinaria per far rinascere la Librineria. «Questo pomeriggio - ha aggiunto Bianco - sarò al San Teodoro. Qui, insomma, si trovano alcune tra le forze più vive del quartiere alle quali il Comune intende dare tutto il proprio sostegno e la propria disponibilità per crescere ancora e svilupparsi».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Sarocast

    11 Gennaio 2018 - 23:11

    Questa è la mafia di Catania! Che schifo. Solidarietà alle vittime dell'incendio. Forse gli interessano i terreni oppure gli servono i giovani rugbisti per farne degli schifosi come loro...chissà! Ma questo è il lato tenebroso e peggiore della nostra città in mano a delinquenti vigliacchi e poverissimi.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa