Notizie locali

Catania

Mobilità, finanziata la tratta della Fce Misterbianco-Paternò

Di Redazione
Pubblicità

Catania - Anche la tratta metropolitana Misterbianco-Paterno’ è stata completamente finanziata: l’inserimento del progetto nel Piano nazionale di Ripresa e resilienza, Pnrr, da realizzare entro il 2026, prevede infatti il finanziamento di 317 milioni di euro, da aggiungere ai 115 milioni già inseriti nel Fondo di sviluppo e coesione infrastrutture 2014-2020 e ulteriori 42 milioni sul Po-Fesr Sicilia, 28,7 dei quali per l’acquisto di treni metropolitani da utilizzare proprio sulla tratta “finale” presentata oggi a Catania dal sottosegretario ai Trasporti Giancarlo Cancelleri, insieme al direttore generale Fce Salvo Fiore, i sindaci di Catania, Salvo Pogliese, Paterno’, Nino Naso, e il commissario di Misterbianco Salvatore Caccamo.

Presente anche una folta rappresentanza di esponenti regionali, nazionali e europei del Movimento Cinque Stelle, che rivendica politicamente il risultato ottenuto: da Dino Giarrusso a Luciano Cantone, membro commissione Trasporti alla Camera dei Deputati, alle deputate regionali Gianina Ciancio e Jose Marano. Meriti a parte, grande lavoro è stato compiuto da Fce nella progettazione e ricerca dei fondi disponibili, a tutti i livelli, e il risultato è che entro il 2026 dall’aeroporto di Catania si potrà andare fino al centro di Paterno’, passando per Belpasso, 11,5 km a doppio binario, il 50% in galleria con 5 stazioni (Gullotta, Belpasso, Valcorrente, Giaconia, Ardizzone). Allo stato attuale sono in corso di realizzazione le tratte Stesicoro-Aeroporto, 6,8 km, il primo lotto Stesicoro-Palestro che si prevede di completare entro il 2021 e il lotto di completamento fino all’aeroporto entro il 2025, mentre la Nesima-Misterbianco, 3,9 km prevede quattro stazioni. Per il primo lotto, Nesima-Monte Po si prevede di completare i lavori entro il 2021, per il lotto di completamento, Monte Po-Misterbianco centro, entro il 2024. Il progetto definitivo per la tratta Misterbianco-Paterno’ è in fase di avanzata redazione, si prevede di completarlo e acquisire i pareri necessari entro la fine del 2021, 52 i mesi previsti per l’esecuzione dei lavori, termine ultimo, da rispettare, secondo semestre del 2026.

Foto di Santi Zappalà

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità