Notizie locali

Sport

Volley, Catania spinge l'Italia femminile verso Tokio: ma col Kenya è solo il primo passo

Di Redazione
Pubblicità

CATANIA – Il Kenya era poca cosa. L’Italia di volley femminile ha cominciato a Catania il percorso per le qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo battendo le avversarie in tre soli set e senza soffrire (25-17, 25-10, 25-14) mettendo in vetrina due delle beniamine del pubblico siciliano.

Sylla, 11 punti, Egonu 15 hanno trascinato il sestetto allenato da Mazzanti. Il pubblico ha spinto la squadra. C’erano 3200 spettatori, ma tra qualche ora, quando il sabato sera della pallavolo registrerà alle 21,15 il match tra Italia e Belgio, ci sarà il pienone, così come domenica contro l’Olanda.

Il tecnico Mazzanti a fine gara ha commentato: «Ho visto un'Italia che si è adattata agli avversari nel primo set. Poi si è liberata della tensione iniziale e ha fatto vedere un po' delle cose che sa fare, ma non tutto. Quando giochi una partita così non hai l'alta velocità quindi sei più attento a non sbagliare. Col salire di livello, sale anche l'attivazione delle ragazze. Con la difficoltà migliorerà anche la prestazione in campo delle ragazze. Belgio e Olanda sono due squadre bene organizzate: il Belgio punta a prenderti per sfinimento, dovremo essere attenti. L'Olanda è quella che conosciamo, ha cambiato la palleggiatrice ma, per quello che ho visto oggi, niente di nuovo».


La veterana Lucia Bosetti ha aggiunto: «Col Belgio sarà tutta un'altra partita. Oggi abbiamo portato a casa il risultato: non penso che abbiamo espresso una buona pallavolo ma era importante per noi iniziare bene. Abbiamo rotto il ghiaccio. Sappiamo che il Belgio e l'Olanda sono due squadre diverse, molto più preparate, lotteranno di più. Noi dobbiamo pensare una partita, un set e un punto alla volta per portare a casa la vittoria. Il pubblico di Catania ci ha sostenuto tanto in questa partita, sulla carta facile, ma il palazzetto era molto caloroso e questo ci aiuterà sicuramente».

 

Sul giornale in edicola una pagina intera dedicata all’evento

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità