Notizie locali
Pubblicità

Gallery

Fermata-metro a Roma con i campioni delle Fiamme Gialle

C'è anche il siracusano Giuseppe Gibilisco, campione del mondo dell'asta, nella stazione completamente personalizzata con i colori del Gs della Guardia di Finanza con gli olimpionici Patta, Palmisano, Sabatini, Donato e tanti altri. La soddisfazione del Gen. B. Vincenzo Parrinello, catanese, comandante del Gruppo Polisportivo Fiamme Gialle

Di Lorenzo Magrì
Pubblicità

C'è anche il campione del mondo del salto con l'asta, il siracusano Giuseppe Gibilisco, tra i campioni che fanno bella mostra nella stazione della metropolitana romana di Cipro, insieme a uno dei treni in servizio lungo la linea A. La metropolitana della Capitale, è stata infatti completamente personalizzata con allestimenti dedicati agli atleti dell’atletica delle Fiamme Gialle, e da qui alla fine dell’anno la stazione assumerà la denominazione di “stazione Cipro-Fiamme Gialle”.

L’iniziativa rientra nell’ambito degli eventi organizzati per i cento anni dell’atletica leggera gialloverde e vuole dar lustro all’impegno centenario delle Fiamme Gialle nell’atletica e contemporaneamente omaggiare gli atleti Olimpici e Paralimpici della Guardia di Finanza reduci dagli splendidi successi ai Giochi di Tokyo in questa meravigliosa disciplina, che insieme a tutti gli altri azzurri hanno fatto sognare, nelle ultime settimane, il nostro Paese.

Una delegazione di atleti e rappresentanti delle Istituzioni, nel rispetto delle normative vigenti anti Covid-19, dopo aver timbrato il Bit della serie speciale “Fiamme Gialle” a tiratura limitata presso la stazione MA Battistini, è salita sul treno dedicato diretto a Cipro per un viaggio breve ma che simbolicamente ripercorre i successi dei Cento Anni dell’atletica leggera del Corpo e che, al contempo, rappresenta idealmente il viaggio di ritorno dei nostri atleti, da Tokyo a Roma.

 Per la visita ufficiale della stazione di “Cipro-Fiamme Gialle” erano presenti le madrine dell’evento, la campionessa Olimpica della marcia 20 km, Antonella Palmisano, e la campionessa Paralimpica dei 100m e neo primatista mondiale categoria T63, Ambra Sabatini insieme alle medaglie olimpiche Lorenzo Patta (oro nella 4x100m a Tokyo 2021), Nicola Vizzoni (argento nel lancio del martello a Sydney 2000), Giuseppe Gibilisco (che oltre al titolo iridato a Parigi 2003, è stato bronzo nel salto con l’asta ad Atene 2004) e  Fabrizio Donato (bronzo nel salto triplo a Londra 2012).

Presenti all’incontro anche il Vicepresidente Vicario Coni Silvia Salis, il direttore generale ATAC Franco Giampaoletti, il Presidente FISPES Sandrino Porru, il Delegato Sport Regione Lazio Roberto Tavani, il Comandante Regionale Lazio della Guardia di Finanza Gen. D. Virgilio Pomponi, il Comandante Provinciale Roma della Guardia di Finanza Gen.B. Paolo Compagnone, il Comandante del Centro Sportivo Gen. B. Flavio Aniello e il Gen.B. Vincenzo Parrinello, Comandante del Gruppo Polisportivo Fiamme Gialle.

<Questa iniziativa – sottolinea il generale Vincenzo Parrinello - nasce per celebrare il centenario dell’atletica Fiamme Gialle. Naturalmente non potevamo lasciarci scappare quest’occasione alla fine di queste straordinarie Olimpiadi e Paralimpiadi e porre un accento sugli atleti che sono riusciti a salire sul podio e conquistare una medaglia>.

<E' una grande emozione e soddisfazione essere qui - ha ammesso l’oro olimpico dei 20 km di marcia Antonella Palmisano, presente all’evento con tanto di medaglia al collo - i risultati ti portano a questa visibilità e questo è e spero sia solamente l'inizio. E’ un onore e motivo di orgoglio vedere le nostre immagini sulla metro>. Emozionatissima anche Ambra Sabatini, oro nei 100 metri T63 alle Paralimpiadi di Tokyo: <Non mi aspettavo tutto questo. Sapere che le persone, almeno per tre mesi, vedranno le nostre foto e magari saranno anche di ispirazione per qualcuno è bellissimo>.

<Una bella iniziativa – sottolinea Giuseppe Gibilisco, adesso tecnico delle Fiamme Gialle – che permette di promuovere l'atletica e lo sport a 360°>.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità
Di più su questi argomenti: