Notizie locali
Pubblicità

Gallery

In via Crociferi carrozze, abiti e auto d'epoca per riprese de "La Stranezza"

La via barocca di Catania è stata scelta per una parte dell'ambientazione della pellicola di Roberto Andò, con protagonisti Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone

Di Redazione
Pubblicità

"Blitz" nel cuore del barocco catanese per le riprese del film "La Stranezza" di Roberto Andò, con protagonisti Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone. La cornice monumentale di via Crociferi è stata scelta per raccontare alcuni momenti dell'ultimo lavoro cinematografico del regista palermitano, incentrato sulla genesi del dramma più famoso di Luigi Pirandello: “Sei personaggi in cerca d'autore”.

Grazie alla collaborazione della Catania Film Commission dell'assessorato alla Cultura, l'improvvisa richiesta della produzione BIBI film, per un giorno di riprese a Catania, è stata “tradotta” in set tra le superbe architetture della via più rappresentativa del barocco etneo, patrimonio dell'umanità.
Un luogo ideale per ambientare l'incontro scenico tra due giganti siciliani della letteratura, Luigi Pirandello e Giovanni Verga, come ha sottolineato Santina Cantone, direttore di produzione. E così la via Crociferi per un giorno è tornata indietro nel tempo, frequentata da donne e uomini agghindati in abiti novecenteschi, attraversata da carrozze e cavalli e qualche auto d'epoca. Il set è stato allestito anche all'incrocio con via Antonino di Sangiuliano, il campo base per i mezzi tecnici in piazza Dante, in prossimità del monastero dei Benedettini.

Non solo Roma, Palermo, Erice e Trapani, dunque, per questa importante opera, ma anche un prezioso "cameo" della città che ha dato i natali a una delle illustri "personalità" coinvolte nel film, Giovanni Verga, del quale quest'anno si celebra il centenario. La Stranezza è prodotto da Attilio De Razza e Angelo Barbagallo per Bibi Film, Tramp Limited, Medusa Film e Rai Cinema e in collaborazione con Prime Video.  La sceneggiatura è firmata dallo stesso Andò insieme a Massimo Gaudioso e Ugo Chiti; nel cast oltre a Servillo, Ficarra e Picone, anche Renato Carpentieri, Donatella Finocchiaro, Luigi Lo Cascio, Galatea Ranzi, Fausto Russo Alesi. Il film è ambientato nel 1920, anno in cui Luigi Pirandello (Toni Servillo), durante un viaggio in Sicilia si imbatte in Onofrio Principato e Sebastiano Vella (Salvo Ficarra e Valentino Picone), due teatranti di una scalcinata compagnia filodrammatica. L’incontro tra il geniale autore e i due dilettanti porterà non poche sorprese.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità