Notizie locali
Pubblicità

Gallery

La Fiera Mediterranea del Cavallo raddoppia le "sedi" e le date

L’iniziativa è in programma dal 20 al 22 maggio nel Centro equestre del Mediterraneo della Tenuta di Ambelia, nel Catanese, e il 28 e 29 maggio all’ippodromo La Favorita di Palermo

Di Redazione
Pubblicità

Mancano due giorni al via della quarta edizione della Fiera Mediterranea del Cavallo, organizzata dalla Regione Siciliana con il supporto tecnico di Fieracavalli, che quest’anno raddoppia le "sedi". L’iniziativa, infatti, è in programma dal 20 al 22 maggio nel Centro equestre del Mediterraneo della Tenuta di Ambelia, nel Catanese, e il 28 e 29 maggio all’ippodromo La Favorita di Palermo che riapre dopo cinque anni di chiusura. In arrivo più di 700 cavalli, oltre 60 espositori, un ricco palinsesto con 100 esibizioni al giorno e 40 numeri di Arte Equestre già in programma. Destinata a tutti gli appassionati, agli addetti ai lavori, ma anche alle famiglie e ai semplici curiosi la quarta Fiera Mediterranea del Cavallo si pone l'obiettivo di tornare ai numeri dell’edizione pre-Covid19 raggiungendo i 30.000 visitatori.

«Sport e turismo sono due ambiti che il governo Musumeci ha coniugato e su cui ha deciso di puntare con forza - afferma l'assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, Manlio Messina - Quest’anno la Fiera Mediterranea del Cavallo torna nella sua naturale collocazione temporale in primavera e si espande, raddoppiando i suoi appuntamenti e coinvolgendo tutta l’Isola. Dopo Ambelia la manifestazione proseguirà infatti all’Ippodromo della Favorita a Palermo. Avevamo promesso di riaprire questo impianto e restituirlo agli eventi sportivi, così abbiamo fatto. Competizioni, atleti, appassionati, esemplari di razza, formazione, conservazione della biodiversità animale, tipicità siciliane, tradizione e cultura equestre: ci sono tutti gli elementi perché questa edizione della manifestazione sia un nuovo successo». Ad Ambelia l’inaugurazione ufficiale è fissata per le 16 di venerdì 20 maggio. L’ospite maggiormente atteso è Cordoba Ecuestre, la storica associazione andalusa impegnata nella tutela del Cavallo di Pura Razza Spagnola, che quest’anno stringe un sodalizio con l’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia che si occupa del mantenimento delle razze autoctone (Purosangue Orientale, Cavallo Sanfratellano, asino Ragusano e Pantesco). L’incontro ha come obiettivo la nascita a Tenuta Ambelia di una scuola di formazione per figure professionali nel mondo del cavallo, proprio seguendo l’esperienza di Cordoba Ecuestre. Spazio anche alla socialità e all’inclusione con i laboratori tattilo-sensoriali ai quali parteciperà un gruppo di bambini della sezione di Catania dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uici). 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità