home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Le nozze vip di Filippa Lagerback e Daniele Bossari nella villa da sogno

Filippa Lagerback e Daniele Bossari sono marito e moglie. La modella e presentatrice svedese, vincitore del "Grande Fratello Vip 2" e il conduttore milanese si sono sposati alle Ville Ponti di Varese. Daniele Bossari le aveva chiesto la mano proprio nella Casa del GF2. Un sì comunque arrivato dopo una storia che dura da 18 anni (la coppia ha una figlia Stella, oggi adolescente, che ha anche fatto la damigella).

Per la sposa un leggero abito bianco e leggero piuttosto scollato, capelli sciolti e senza velo, con una ciocca raccolta posteriormente e chiusa con un fiore. Anche il cane di famiglia, Whisky, ha avuto un ruolo perché, insieme a damigelle e paggetti, ha "aperto la strada" alla sposa. L'unione si è svolta all'esterno – anche grazie ad una splendida giornata praticamente estiva - con un allestimento nel segno dei petali di rosa e del bianco. L'arrivo di Filippa è stato segnato da una romantica versione di "Your Song" di Elton John. Ad attendere Filippa un emozionato Daniele Bossari, elegantissimo nel suo completo con papillon.

Al termine della cerimonia il tradizionale lancio di riso e l'abbraccio di amici, parenti e colleghi. I testimoni sono stati per Daniele, Lorenzo Flaherty, compagno di avventura nella Casa del Gf, e Giuseppe, un amico di lunga data del presentatore. Per la sposa l’attrice e modella Barbara Snellenburg e un'amica svedese. Niente bomboniere né lista nozze. L'abito di Filippa è stato firmato da Enzo Miccio Bridal Collection, perché è stato il noto wedding planner ad occuparsi di tutti i preparativi. Il tema scelto è Alice nel Paese delle Meraviglie, ma in chiave ironica.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa