home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Nel presepe di Alì Terme Giuseppe e Maria sono due migranti

Segnalazione inviata a Lo dico a LA SICILIA su Whatsapp

Alì Terme (Messina) - Quest’anno, all’ingresso di Alì Terme, un gruppo di abitanti del quartiere “Tiro a segno” ha allestito un presepe originale e suggestivo. Rappresenta un bambinello portato in braccio da un contemporaneo Giuseppe con accanto la propria compagna Maria. Tutti e tre neri. I volti angosciati di una coppia che muove i primi passi sulla terra ferma in cerca di salvezza. Alle loro spalle la loro storia: un arcobaleno a indicare il mondo lontano da cui provengono, un relitto di scafo a testimoniare la spaventosa esperienza della traversata, la moltitudine di mani nere che emergono dal mare a ricordare la disperazione di tanti esseri umani invocanti l’estremo aiuto. L’odierna straziante metafora della buona novella della sacra famiglia di Betlemme. L’opera prende spunto dalle parole di Papa Francesco sui divini migranti che 2017 anni fa fuggirono dalla loro terra per sfuggire alla tirannia di Erode. Odierna straziante metafora della buona novella della sacra famiglia di Betlemme.
Enzo Lombardo

SEGNALAZIONE E FOTO INVIATI A LO DICO A LA SICILIA SU WHATSAPP 349 88 18 870

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa