Notizie locali

Spettacoli

Icerberg, le potenti barre rap di Shoe

Di Redazione
Pubblicità

Da pochi giorni è presente anche su Youtube "Iceberg" il nuovo  video  del rapper zafferanese Filippo Varrica in arte Shoe, autore del testo. La base musicale e la produzione è di Lava (Carmelo Caramagno e Alessandro Farruggio) e la regia e la fotografia e la grafica sono di Morena Ragusa, laureata in fotografia e arti visive all'accademia di belle arti di Catania.

Questo nuovo lavoro segna l'evoluzione artistica di Shoe che accoglie e sperimenta nuove sonorità pur mantenendo l'originalità  del suo rap. Le sue barre sono cementate nella realtà e scritte dopo l'isolamento da Covid 19. Il video è stato girato in prima persona tra la fase 2 e la fase 3 pensando alla nostalgia della vita prima dell'emergenza e poi alla riapertura legata alla speranza  di una ripresa, di un ritorno alla normalità .Ma nello stesso tempo con lucida ironia lancia il messaggio ai giovani di evitare gli assembramenti e a non trascendere con feste e divertimenti perché il virus è sempre in agguato "Ritorneremo a splendere" dice Shoe. Lo stesso augurio di rinascita anche alle popolazioni colpite dal sisma di Santo Stefano attraverso  un video dal titolo 3.19 a indicare l'ora in cui avvenne la scossa e cadenzato dai momenti drammatici vissuti dalle genti etnee e la loro tenacia, la forza, la capacità di ricostruire là dove il sisma ha distrutto. Insomma tanti gli argomenti portati alla ribalta attraverso le sue barre tonanti. Anche quando parla della fine della sua personale storia d'amore in "Gastrite" o in "Mattia e Simona" quando racconta una storia tra realtà e verosimiglianza e ancora altri spunti significativi in "Lacrime" , "Grazie a te", "Prega"… Insomma un mondo ricco e variegato quello di Filippo che è laureato in scienze agrarie e ha un'autentica passione per la musica rap nata  a  15 anni, quando scopre Eminem, Fabri Fibra, Mondo Marcio, Club Dogo, Inoki fondatore  del collettivo nazionale "Rap pirata" di cui il rapper zafferanese fa parte.

«La gente mi chiede se io  con questa musica ci campo e quanto guadagno - sottolinea Filippo - ma io non ho mai guadagnato un euro. Ma posso dirvi ho guadagnato emozioni che nessuna 'altra cosa o persona potrà mai darmi. La musica è il mio sorriso, il mio dolore, la mia forza, il mio tutto…. Continuerò a farla col cuore  fino a quando avrò fiato in corpo».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità