Notizie locali
Pubblicità

Gossip

Rocio Munoz Morales, arrivo da star al Lido per la madrina del Festival del Cinema

Di Redazione
Pubblicità

«Sono pronta a sorprendermi, a emozionarmi, a vivere un’esperienza immersiva nuova, a vedere tantissimi film e a fare decine di incontri. Per me ci sarà un prima e un post Mostra del cinema di Venezia» ha detto Rocio Munoz Morales, l’attrice e conduttrice, modella, ex ballerina, spagnola madrina dell’apertura e della chiusura di Venezia 79.

Ha 34 anni, attrice di successo in numerose serie tv come Un passo dal cielo, è particolarmente amata dal pubblico televisivo che l'ha conosciuta anche per la sua conduzione al 65/o Festival di Sanremo nel 2015. Nata a Madrid, vive a Roma compagna di Raoul Bova, conosciuto sul set di Immaturi nel 2012, con cui ha avuto due bambine Luna e Alma.

«A Madrid ho la mia famiglia d’origine cui sono molto legata, a Roma la famiglia che ho costruito con Raoul, è quello il cielo che guardo e le strade che percorro, il posto dove ho scelto di far crescere le mie figlie, dunque sì - dice in un’intervista all’ANSA - mi sento decisamente molto italiana e se devo pensare di tornare a casa penso a Roma».

«Perchè hanno scelto proprio me? Bisognerebbe chiederlo al direttore del festival Alberto Barbera, mi piace pensare che è stato per il mio modo di relazionarmi agli altri, empatico, in ascolto, disponibile al dialogo. Sono una persona di sentimenti e di emozioni, lo sono in casa e sul lavoro, il resto viene dopo. Sento una grande responsabilità ovviamente e rispetto il lavoro di chi da mesi organizza la manifestazione, non mi piace programmare tanto le cose e per questo sono aperta alle sorprese, agli entusiasmi».

Rocio Munoz Morales ha voglia di «vedere tutti i film che mi sarà possibile, resto al Lido per tutta la durata della Mostra e oltre agli impegni ufficiali mi auguro di essere una spettatrice instancabile. Amo il cinema, da sempre, mio padre ha cresciuto me e le mie sorelle portandoci a vedere i film e ci ha trasmesso una grande passione, per lui forse era un modo di evadere quello che la vita aveva scelto per lui, per me è stata una molla per farmi diventare la persona curiosa che sono, attenta agli altri, il cinema mi ha arricchita certamente».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità